11 dicembre 2018
Aggiornato 11:30

Zanzare, mosche e scarafaggi principali nemici dell’estate degli italiani

A testimoniarlo sono i dati raccolti da Astra Ricerche per Rentokil che ha indagato l’atteggiamento degli italiani rispetto al fenomeno degli infestanti
Zanzare, mosche e scarafaggi principali nemici dell’estate degli italiani
Zanzare, mosche e scarafaggi principali nemici dell’estate degli italiani (Adobe Stock)

GORIZIA – L’estate è arrivata e come ogni anno, oltre ad affrontare il caldo torrido, gli italiani dovranno scontrarsi con l’arrivo degli infestanti. Ai primi accenni di caldo, infatti, zanzare, mosche, vespe, scarafaggi e topi invadono le nostre città creando innumerevoli disagi – dal fastidio delle punture al panico per le malattie – costringendo gli italiani a sperimentare nuovi e ingegnosi metodi per contrastarli. A questo proposito Rentokil, leader mondiale nel Pest Control, ha commissionato ad Astra Ricerche un’indagine con l’obiettivo di comprendere l’atteggiamento degli italiani nei confronti della presenza di infestanti.

I dati raccolti
Secondo l’indagine Rentokil a rovinare l’estate degli italiani ci penseranno le zanzare che conquistano il podio dell’insetto più odiato e fastidioso dai nostri connazionali, mentre la medaglia dell’infestante più pericoloso per trasmissione di malattie va ai topi per il 70% degli intervistati.
E se l’igiene e la pulizia rimane l’elemento fondamentale per l’italiano in vacanza (86%), solo l’11% conosce le cimici dei letti che invadono le camere d’albergo e amano viaggiare attaccati alle nostre valigie. Internet è la principale fonte di informazioni per la ricerca di metodi utili a contrastare gli infestanti (53%), poco utilizzati invece i servizi di disinfestazione (20%) e le Asl (15%).