18 agosto 2019
Aggiornato 19:30
porti

Trieste Punto Franco, Lauri: «Occasione irripetibile per la città e per il Fvg»

Il consigliere regionale di Sel-FVG: «L'occasione di colmare in un colpo solo un intero secolo di ritardi nel proprio sviluppo economico capita solo una volta nella storia di un territorio: per Trieste il momento è adesso e fanno bene i nostri industriali a parlare di svolta epocale»
Giulio Lauri, consigliere regionale di Sel-FVG
Giulio Lauri, consigliere regionale di Sel-FVG Diario di Trieste

TRIESTE - «L'occasione di colmare in un colpo solo un intero secolo di ritardi nel proprio sviluppo economico capita solo una volta nella storia di un territorio: per Trieste il momento è adesso e fanno bene i nostri industriali a parlare di svolta epocale». Giulio Lauri, consigliere regionale di Sel-FVG, commenta così l'approvazione del decreto attuativo sul Punto Franco di Trieste: «Questa per la città e per tutta la Regione può essere un'occasione irripetibile, non sfruttarla come è accaduto fino a un recente passato per responsabilità della politica sarebbe un atto da irresponsabili oltre che da incapaci. Il decreto stabilisce le modalità con cui sarà possibile avviare finalmente attività di prima trasformazione delle merci transitanti nel Porto di Trieste, con tutti i benefici economici e fiscali che ne potranno derivare per le imprese che decideranno di misurarsi con un business che si potrà sviluppare proprio sulla nuova Via della Seta che la Cina sta individuando dopo il raddoppio del canale di Suez. Ed è frutto dell'impegno del ministro Del Rio, della presidente della Regione, Debora Serracchiani, e dell'ex sindaco di Trieste Roberto Cosolini».