26 febbraio 2020
Aggiornato 15:30
L'incontro

Balcani occidentali, quali opportunità di business per le aziende italiane?

Il seminario di studi, che sarà ospitato dal Consiglio regionale, sarà dedicato al "Processo di Berlino" e alle implicazioni dei nuovi accordi di sviluppo economico e di cooperazione nell'area dei Balcani occidentali
Il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop
Il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop Diario di Trieste

TRIESTE - Il Consiglio regionale ospiterà giovedì, con inizio alle 14, una delle manifestazioni collaterali al Western Balkan Forum, il vertice sui Balcani che vedrà riuniti a Trieste capi di Stato o di Governo di Paesi Ue,
rappresentanti dell'Unione europea e i leader degli Stati dei Balcani occidentali non ancora aderenti all'Unione.
Il seminario di studi, che sarà ospitato nell'Aula consiliare, sarà dedicato al "Processo di Berlino" e alle implicazioni dei nuovi accordi di sviluppo economico e di cooperazione nell'area dei Balcani occidentali, con particolare riferimento ai possibili nuovi scenari e alle opportunità che si aprono alle aziende italiane, in special modo a quelle del Triveneto.

I protagonisti
"Balcani occidentali, sviluppo e opportunità di business: esperienze e professionisti a confronto", questo il titolo
dell'evento, è organizzato da Accoa, Camere di commercio per l'Europa Centrale e da Finest. I settori sui quali si
focalizzeranno gli interventi sono infrastrutture, trasporti, energia, turismo, nuove prospettive di business e cooperazione nell'area. Nella scaletta degli interventi figurano i presidenti del Consiglio regionale Franco Iacop e di Finest Mauro del Savio, dell'Autorità portuale di Trieste Zeno D'Agostino, delle Camere di Commercio della Macedonia Danela Arsovska, della Camera dell'Economia di Zagabria Zlatan Froelic, l'ambasciatore italiano in Macedonia Carlo Romeo e l'l'esperta in progettazione transfrontaliera Paola Lucchesi.