26 luglio 2017
Aggiornato 22:00
a trieste

Contromano sulla Grande Viabilità Triestina: fermato un 67enne

Si trattava di una Fiat Seicento con targa italiana. Le conseguenze della condotta dell'uomo? Revoca della patente di guida, sanzione amministrativa e fermo amministrativo del veicolo di 3 mesi

Polizia Stradale (© Diario di Trieste)

TRIESTE – Nella mattinata del 13 luglio una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Trieste, in transito sul tratto autostradale della SS 202 (Grande Viabilità Triestina) e diretta verso il centro cittadino, giunta nelle vicinanze dello stabilimento industriale «Wartsila», ha notato il sopraggiungere di un’autovettura proveniente in contromano. Il veicolo di servizio, che si trovava in corsia di sorpasso, al fine di interrompere la condotta, ha azionato i segnali visivi ed acustici di emergenza, ha rallentato l’andatura di marcia e quella dei veicoli che lo seguivano, fino a fermarsi. Così facendo, il conducente del veicolo proveniente dal senso opposto ha avuto modo e tempo di accorgersi della pericolosissima condotta di guida. Si è fermato al centro strada e ha invertito il proprio senso di marcia. 

L'uomo alla guida
L’equipaggio della Polstrada ha fermato il veicolo all’interno di una piazzola di sosta: si trattava di una Fiat Seicento con targa italiana condotta da un triestino di 67 anni che proveniva dalla Strada della Rosandra e, distratto alla guida, di aver imboccato l’immissione nella GVT nel senso sbagliato entrando quindi in contromano. Le conseguenze della condotta? Revoca della patente di guida, sanzione amministrativa e fermo amministrativo del veicolo di 3 mesi.