26 luglio 2017
Aggiornato 22:30
in municipio

Dipiazza e l'ambasciatore della Repubblica Argentina in Italia, incontro in Municipio

Con l'illustre ospite, che era accompagnato dal Console Generale e direttore del Centro di Promozione Argentina di Milano Cristian Dellepiane Rawson, il sindaco si è intrattenuto, nel tradizionale Salotto Azzurro, evidenziando le principali caratteristiche geo-economiche di Trieste ma anche le specificità storico-culturali

Il sindaco Roberto Dipiazza e l'Ambasciatore della Repubblica Argentina in Italia Signor Tomás Ferrari (© Comune di Trieste)

TRIESTE - Cordiale incontro oggi in Municipio tra il sindaco Roberto Dipiazza e l'ambasciatore della Repubblica Argentina in Italia Tomás Ferrari in visita in questi giorni nella nostra città. Con l'illustre ospite, che era accompagnato dal Console Generale e direttore del Centro di Promozione Argentina di Milano Cristian Dellepiane Rawson, il sindaco si è intrattenuto, nel tradizionale Salotto Azzurro, evidenziando le principali caratteristiche geo-economiche di Trieste ma anche le specificità storico-culturali, ricordando ad esempio quel corrente 300° anniversario Teresiano che Trieste commemora come fonte della sua stessa nascita come città moderna e del suo primo sviluppo emporiale. 

Le novità tutte triestine
Per poi porre in risalto l'attuale grande attenzione internazionale che, grazie a più fattori, tutti molto recenti o addirittura di questi giorni – dalla firma del Decreto attuativo per il Regolamento dei Punti Franchi alla prestigiosa designazione di Trieste quale Città Europea della Scienza 2020 –, si sta nuovamente concentrando su Trieste riportandoci al centro di linee di traffico e di rapporti culturali e scientifici. In tal senso non è mancato da parte del sindaco Dipiazza un «promemoria» per gli ospiti argentini sui nostri peculiari centri di di alti studi e di ricerca, come pure sull'altra «novità», ovvero l'area del Porto Vecchio da impiegare quale risorsa per nuovi investimenti e insediamenti urbani, «similmente a quanto fatto a Buenos Aires – ha osservato Dipiazza - con la bellissima operazione effettuata nell'antico scalo di Puerto Madero che è diventato un vero fiore all'occhiello della grande capitale argentina». Affermazioni e prospettive per le quali i due diplomatici hanno manifestato grande condivisione e interesse, prefigurando una prossima e più approfondita visita a Trieste - che hanno definito «una città bellissima» -, oltre che invitando Dipiazza a un ulteriore incontro, all'Ambasciata a Roma. Il tradizionale scambio di doni ha concluso, all'insegna di una viva cordialità e con l'auspicio di proficui prossimi sviluppi, l'incontro in Municipio.