19 novembre 2017
Aggiornato 15:00
porti

Serracchiani: «Il Porto di Trieste è veramente libero di rinascere a nuova vita»

Questo il commento della presidente del Friuli Venezia Giulia alla notizia della firma da parte del ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, del decreto attuativo per il Porto franco internazionale di Trieste

La presidente della Regione, Debora Serracchiani (© Diario di Trieste)

TRIESTE - «Il presente e il futuro dello scalo portuale di Trieste passano per la sua unicità che oggi è definitivamente confermata». Questo il commento della presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, alla notizia della firma da parte del ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, del decreto attuativo per il Porto franco internazionale di Trieste. Il documento, che il 27 giugno era già stato siglato a Trieste dal ministro dei Trasporti, Graziano del Rio, verrà quindi a breve pubblicato in Gazzetta ufficiale. Secondo Serracchiani «è un passaggio epocale non solo per lo scalo giuliano, ma per tutto il Friuli Venezia Giulia. Si tratta della concretizzazione di uno status che era atteso da oltre sessant'anni, ottenuto grazie alla stretta collaborazione tra Regione, Governo e Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Orientale. Un'unità d'intenti che permetterà lo sviluppo economico e la crescita dell'occupazione».

Opportunità
La presidente ha evidenziato che ora «il Porto di Trieste è veramente libero di rinascere a nuova vita», dato che il decreto «concretizza la possibilità di assistere all'insediamento di nuove aziende della manifattura industriale, della trasformazione delle merci e della logistica, le quali potranno godere dei vantaggi di un sistema doganale unico in Europa che consente la lavorazione dei prodotti nelle aree extra doganali». Serracchiani ha rimarcato che quest'opportunità «è fondamentale per rafforzare il ruolo del capoluogo del Friuli Venezia Giulia quale porta d'Oriente e snodo della nuova Via della Seta che collega l'estremo oriente con i mercati europei. In quest'ottica è quindi strategico che la Regione continui lo sviluppo della rete di collegamento intermodale avviato in questi ultimi anni. Garantendo il trasferimento delle merci in modo veloce ed economico - ha concluso la presidente - la nostra regione potrà infatti essere competitiva e determinante nel panorama europeo».