18 ottobre 2017
Aggiornato 00:30
Innovazione

Anziani più sicuri e meno soli grazie alle tecnologie IoT

La startup Connected Life, tra i vincitori di IFchallenge, il percorso di accelerazione d’impresa di Innovation Factory, ha sviluppato un sistema di monitoraggio in casa basato su sensori wireless, in grado di segnalare su smartphone ai familiari situazioni anomale

Anziani più sicuri e meno soli grazie alle tecnologie IoT (© AdobeStock | auremar)

TRIESTE - In Europa oltre il 90% degli over-65 vive in casa propria. Nella fascia dai 65 agli 80 anni oltre il 30% degli anziani vive da solo, percentuale che, superati gli 80, sale a circa 50% (fonte European Centre for Social Welfare Policy and Research, 2012). Un’indipendenza voluta in molti casi ma, non di rado, anche una condizione di solitudine subita o necessitata, che richiede attenzione costante da parte dei familiari residenti altrove.

Le recenti tecnologie IoT
Partendo da questa esigenza la startup Connected Life ha sviluppato una soluzione basata sulle più recenti tecnologie IoT (Internet of Things) che, attraverso sensori wireless di ultima generazione, monitora le attività delle persone anziane nelle proprie abitazioni. Il sistema opera in maniera discreta e nel pieno rispetto della privacy della persona anziana – non utilizza telecamere o microfoni - offrendo ai familiari informazioni tempestive durante tutto l'arco della giornata. Il monitoraggio costante è in grado di individuare precocemente possibili situazioni anomale, come l’alterazione dei ritmi di alimentazione, dell'igiene personale, del rapporto sonno/veglia, irregolarità nell'assunzione di farmaci, ecc.

Insieme™
Le informazioni vengono elaborate in tempo reale, segnalando automaticamente - attraverso sms, email e simili - eventuali anomalie rispetto ad attività e abitudini quotidiane. Con questo progetto Connected Life è stata tra i vincitori di IFchallenge, il percorso di accelerazione d’impresa di Innovation Factory, l’incubatore certificato di Area Science Park. Il sistema, sviluppato in collaborazione con lo Studio di Ingegneria Biomedica e la società DotCom Srl, è di recente giunto sul mercato con il nome "Insieme™" e tra le funzioni avanzate sviluppate ha anche un sofisticato sistema di autoapprendimento delle attività quotidiane dell’anziano, che consente di determinare in maniera automatica le normali attività routinarie e di rilevare situazioni di potenziale pericolo per la persona assistita.

Maggiori informazioni su www.onlineinsieme.it.