24 agosto 2017
Aggiornato 06:30
l'evento

I migliori atleti di moto d'acqua a Trieste: è tutto pronto per il 1° Summer Water Show

L'evento, organizzato con il patrocinio del Comune di Trieste, vedrà la partecipazione di circa una trentina di atleti, agonisti e non, provenienti oltre che da diverse regioni italiane anche da Slovenia e Austria. Tra i professionisti vi sarà naturalmente anche il triestino Fabrizio Calzi

Presentata la 1° Edizione del "Summer Water Show" (© Comune di Trieste)

TRIESTE - «Summer Water Show»: è questo il nome della manifestazione sportiva che, con la sua prima edizione regionale, porterà a Trieste alcuni dei migliori atleti italiani e stranieri di moto d’acqua che si esibiranno questa domenica, 13 agosto, a partire dalle 17, nello specchio di mare antistante la sede del Club del Gommone, sodalizio organizzatore dell'iniziativa (viale Miramare 32/1), in corrispondenza del terrapieno di Barcola, dando vita a spettacolari evoluzioni e gare di velocità. La manifestazione, unica nel suo genere e per la prima volta realizzata a Trieste e nella nostra Regione, è stata presentata in Municipio, alla presenza dell’assessore allo Sport Giorgio Rossi, del presidente del Club del Gommone Antonio Del Conte e di rappresentanti degli altri enti e associazioni che collaborano all'evento come la FISA-Federazione Italiana Salvamento Acquatico, con il delegato federale veneto Matteo Giardini, e l'Associazione Cani Salvataggio Trieste, quest'ultima intervenuta con tre sue operatrici e altrettanti bellissimi e simpatici cani al seguito, due golden retriver e un labrador che hanno attirato l'attenzione di tutti i presenti. 

Chi parteciperà
Il «Summer Water Show», organizzato con il patrocinio del Comune di Trieste, vedrà la partecipazione di circa una trentina di atleti, agonisti e non, provenienti oltre che da diverse regioni italiane anche da Slovenia e Austria. Tra i professionisti vi sarà naturalmente anche il triestino Fabrizio Calzi, già medaglia d’argento nel Campionato Nazionale Moto d’Acqua 2015-2016 e in corsa quest’anno per il titolo italiano, sempre con i colori del Club del Gommone, e pure lui oggi presente alla conferenza stampa. Ma vi potranno partecipare anche i semplici amatori di questo genere sportivo, e tutti assieme, al di là anche delle diverse caratteristiche e tipologie dei mezzi impiegati, concorreranno, virtualmente alla pari, alla conquista dell'ambito titolo unico di Campione Regionale.

La sfida
A tale scopo gli atleti si affronteranno nel circuito acqueo appositamente disegnato e prossimo alla riva, nonché facilmente visibile dagli spettatori a terra. I piloti si cimenteranno nelle gare di Ski (moto d’acqua che si guidano in piedi, molto tecniche da condurre e capaci di superare i 100 km/h), Runabout (decisamente più grandi e potenti, che si guidano da seduti e che possono raggiungere una velocità di oltre 130 km/h) e nello spettacolare Free style in cui i piloti compieranno con le proprie moto delle incredibili evoluzioni. Le gare saranno valutate da una apposita giuria della Federazione Italiana di Motonautica. La prima edizione del «Summer Water Show» di Trieste è stata infatti riconosciuta – è stato sottolineato - dalla FIM e dal CONI. La sicurezza in mare sarà invece coordinata e assicurata dalla Capitaneria di Porto di Trieste e dalla FISA-Federazione Italiana Salvamento Acquatico; a supporto ci saranno anche le unità cinofile dell'Associazione Cani Salvataggio Trieste Onlus, con i «quattrozampe» superaddestrati pronti a tuffarsi in caso di bisogno sia da bordo dei gommoni di assistenza che da terra, dall’area del Club del Gommone (società nautica, tra l'altro, «amica dei cani» per espressa dichiarazione). 

L'orario delle gare
I piloti entreranno in acqua alle 14 per il «riscaldamento» e il test dei percorsi; le gare inizieranno quindi alle 17 per terminare alle 18 circa con le premiazioni, cui seguirà una festa nella sede del Club per brindare a questa prima edizione del «Summer Water Show» di Trieste. Ancora a proposito degli aspetti tecnici e agonistici della gara, l'atleta concittadino Fabrizio Calzi ha spiegato come siano necessari in queste competizioni una notevole dose di resistenza fisica e un consistente allenamento, e ciò in particolare per la specialità »SKI», caratterizzata dalla guida in piedi, molto impegnativa. «L'auspicio – ha detto  Calzi – è poi quello di poter godere del bel tempo, anche se, in realtà, questo sport si può praticare anche in condizioni meteo-marine estreme, pure con onde rilevanti, e forse solo una tempesta vera e propria ci potrebbe fermare. In ogni caso questa di domenica sarà una grande e preziosa occasione per far conoscere a un numero sempre maggiore di persone questo bellissimo sport!». 

Lo scopo dell'evento
In merito all'intera manifestazione il Presidente del Club del Gommone Antonio Del Conte – che era affiancato dal «vice» Paolo Zehenthofer, che ha ricordato i quasi 40 anni di attività del Club e la sua «forza» di circa 230 soci e 60 natanti, nonchè dal tesoriere Andrea Mathee - ha dichiarato: «L’idea di creare questo evento, unico nel suo genere, vuole porre le fondamenta per farlo diventare un appuntamento annuale costante, organizzato dal nostro Club e capace di coinvolgere con il tempo sempre più numerosi atleti e appassionati delle moto d’acqua di tutte le età. Un particolare ringraziamento – ha detto quindi Del Conte - va, oltre che a tutto il direttivo del Club, alla F.I.M.-Federazione Italiana Motonautica che ha creduto in noi, alla Croce Blu Humanitas di Trieste e alla F.I.S.A.-Federazione Italiana Salvamento Acquatico per ogni necessità di primo soccorso e assistenza medica a terra e in mare; nonché, naturalmente, alla Capitaneria di Porto e alla Polizia di Frontiera Marittima per l’importante aiuto e collaborazione e per l’organizzazione della sicurezza, e al Comune di Trieste che con il suo patrocinio dimostra grande sensibilità per questi eventi sportivi». Dal canto suo l'assessore comunale allo Sport Giorgio Rossi non ha mancato di esprimere un grande apprezzamento per «un'iniziativa del tutto inedita e quindi tanto più gradita, che porta un ulteriore peculiare e importante contributo alla crescita del ruolo di Trieste quale città sportiva, marinara e turistica, sempre più inserita nei circuiti nazionali e internazionali».