24 agosto 2017
Aggiornato 06:30
ferriera di servola

Ferriera, Ussai: «Monitorare non basta: ogni giorno aumenta il rischio di contrarre tumori»

Il consigliere regionale commenta la nota dell'Azienda sanitaria inviata al Comune di Trieste, in cui si parla di un fenomeno che "impone costante monitoraggio": «Quelle dell'Azienda sanitaria sono conclusioni che non possiamo accettare»

Ferriera di Servola (© Diario di Trieste)

TRIESTE - L'Azienda sanitaria scrive - testualmente - al Comune di Trieste che «sulla base dei dati della rete deposimetrica gestita dall'azienda siderurgica e dei controlli di validazione effettuati dall'Arpa, si osserva che nel primo semestre di quest'anno si è verificato un costante aumento delle deposizioni di polveri nell'area in esame, a valle del miglioramento della situazione osservato nel secondo semestre 2016. Fermi restando quindi i risultati a nostra disposizione, relativi alla relazione dell'Arpa che evidenziano la presenza di idrocarburi aromatici policiclici nelle polveri depositate, presenza confermata nelle successive rilevazioni nell'ambito del Piano di monitoraggio e controllo condotto dall'azienda siderurgica stessa, si ritiene che la situazione rilevata comporti un problema di salute per la popolazione espresso in incremento del rischio espositivo. La rilevanza del fenomeno, pur non comportando immediati pericoli per la salute, impone un suo costante e approfondito monitoraggio. L'Azienda si riserva quindi di procedere in questo senso a produrre adeguata informazione nei confronti delle istituzioni e della popolazione, al fine dell'eventuale assunzione di ulteriori misure a tutela della salute stessa».

Il M5S 
«Quelle dell'Azienda sanitaria sono conclusioni che non possiamo accettare - spiega il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Andrea Ussai. Da un lato viene acclarato il problema per la salute dei cittadini e l'aumento del rischio espositivo, dall'altro vogliono farci credere di poter stare tranquilli perché la situazione è monitorata. È evidente invece che ogni giorno che passa per i cittadini aumenta il rischio di contrarre tumori, malattie respiratorie e cardiovascolari, con ricadute sulla salute sia a breve che a lungo termine».