20 novembre 2017
Aggiornato 10:30
la classifica

Trieste città più sportiva d'Italia, Torrenti: «Confermata la validità dei nostri investimenti»

L'assessore regionale allo sport: «Nella legge di Bilancio 2017 per lo sport sono stati inseriti circa 14 milioni che hanno permesso di effettuare investimenti con una migliore razionalizzazione delle risorse basata sull'attenzione alla meritocrazia»

L'assessore regionale allo Sport, Gianni Torrenti (© Diario di Trieste)

TRIESTE - «L'ottimo posizionamento del Friuli Venezia Giulia e di Trieste in particolare, che è in testa nella classifica del Sole 24 Ore sulla sportività delle varie città italiane è un motivo di legittima soddisfazione e conferma la validità degli investimenti effettuati dall'Amministrazione regionale per il miglioramento degli impianti e l'attrazione di eventi di alto livello. Il Friuli Venezia Giulia promuove attraverso lo sport anche uno stile di vita sano e socialmente inclusivo: siamo fieri di essere la prima Regione in assoluto ad aver approvato una legge per sostenere le attività sportive delle associazioni di disabili che aderiscono al Comitato paralimpico». Lo ha affermato l'assessore allo Sport del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti, commentando gli articoli apparsi sull'edizione odierna del quotidiano economico nazionale.

Investimenti
«Nella legge di Bilancio 2017 - ha aggiunto Torrenti - per lo sport sono stati inseriti circa 14 milioni che hanno permesso di effettuare investimenti con una migliore razionalizzazione delle risorse basata sull'attenzione alla meritocrazia». La sportività del Friuli Venezia Giulia, secondo l'assessore, è inoltre «un ottimo dato anche per le imprese locali perché gli investimenti in questo settore producono un'economia indotta e le conseguenti ricadute sul territorio». Nella Finanziaria 2017 grande attenzione è stata posta alle manifestazioni sportive, per le quali sono stati stanziati ben 300mila euro in più dell'anno precedente, oltre al milione e mezzo di euro garantito dalla direzione Turismo.

Regione sportiva
Come ha evidenziato Torrenti, nel documento economico «oltre 6 milioni di euro sono stati destinati alle attività e oltre 8 milioni di euro per gli investimenti, puntando a sostenere interventi distribuiti su tutto il territorio regionale piuttosto che pochi che assorbano ingenti risorse. Inoltre, per la prima volta sono stati stanziati 900mila euro per le attrezzature sportive». L'assessore ha spiegato che «la nostra è una regione che può vantare quasi 12mila atleti per ogni 100mila abitanti a fronte di una media nazionale di 7.600 e grandi risultati da punti di vista agonistico in quasi tutte le discipline che confermano l'importanza di continuare ad investire sullo sport. Trieste aggiunge alla positiva esperienza regionale tutte le attività marinare che - ha concluso Torrenti - sono praticate in massa e in cui i nostri ragazzi storicamente eccellono».