24 settembre 2017
Aggiornato 12:30
servizi pubblici

Panontin parla dei disagi al Nue112 con il maltempo

L'assessore regionale evidenzia come le emergenze eccezionali del 10 agosto scorso abbiano creato problemi a tante strutture, inclusa quella del 112.

Paolo Panontin parla dei servizi pubblici con il maltempo (© Adobe Stock)

FVG - «Il Nue 112 del Friuli Venezia Giulia è partito in aprile offrendo già poco dopo l'avvio un servizio di qualità identico a quello della Lombardia». Lo afferma l'assessore regionale alla Protezione civile, Paolo Panontin, evidenziando come «le emergenze eccezionali del 10 agosto scorso hanno creato problemi a tante strutture, inclusa quella del 112. Basti pensare - ribadisce - che, nei giorni seguenti, il 112 è di fatto diventato il call center dell'Enel per tutte le utenze: oltre 100mila contro le 12mila del Veneto, rimaste anche 48 ore senza energia elettrica».

Le complicanze del maltempo
«Le grosse difficoltà in cui si sono trovati i Vigili del Fuoco, con carenza di mezzi e di personale per gestire l'emergenza, sono state alleviate dal filtro operato dal 112 e - precisa Panontin - dal fatto che le chiamate meno critiche per l'incolumità delle persone sono state dirottate dal 112 direttamente alla sala operativa della Protezione civile che, in concomitanza, coordinava fino ad un migliaio di volontari per rimuovere alberi e svuotare cantine. Adesso - afferma l'assessore regionale - è chiaro che, sulla base dell'esperienza vissuta in questa emergenza, abbiamo altri elementi per poter perfezionare il modello organizzativo, ma è altrettanto palese come tutto il Paese vada verso il numero unico perché questa è la direzione dell'avanzamento tecnologico e organizzativo».

Nuove soluzioni per l'organizzazione degli enti
«Tutte le nuove infrastrutture - sottolinea ancora l'assessore - non partono con la pretesa di essere perfette in ogni circostanza ma, di norma, richiedono una fase di tuning per adattarsi al meglio alle specificità del territorio su cui operano. A questo proposito - spiega infine Panontin - erano già previsti, a settembre, incontri con tutti i Psap2, di concerto con i quali dovremo adottare nuove soluzioni organizzative perché, se a valle del 112 non ci sono strutture in grado di prendersi in carico le chiamate e gestirle anche nelle situazioni emergenziali, il Nue 112, anche potenziando le proprie risorse, non potrà evitare in futuro il ripetersi di questi problemi».