19 novembre 2017
Aggiornato 15:00
Venerdì 25 agosto alle 17

Umberto Saba: incontro a palazzo Gopcevich

All'appuntamento parteciperà, fra gli altri il direttore della Biblioteca statale isontina, Marco Menato, che firma uno dei saggi della pubblicazione dal titolo ‘La libraria Antiquaria Umberto Saba: libreria, casa editrice, private press’

Umberto Saba: incontro a palazzo Gopcevich (© Biblioteca isontina)

TRIESTE - Per ricordare i 60 anni dalla morte del poeta e scrittore Umberto Saba, avvenuta a Gorizia a Villa San Giusto, sarà presentato a Trieste venerdì 25 agosto alle 17 a palazzo Gopcevich il volume ‘La libreria antiquaria Umberto Saba. Il poeta libraio’. All'incontro parteciperà, fra gli altri il direttore della Biblioteca statale isontina, Marco Menato, che firma uno dei saggi della pubblicazione dal titolo ‘La libraria Antiquaria Umberto Saba: libreria, casa editrice, private press’.

Il volume dedicato alla storica libreria di via San Nicolò
L'originalità del testo sta nell'aver approfondito, per la prima volta e in modo documentato e scientifico, la professione di libraio e editore di uno degli scrittori più significativi del panorama regionale e nazionale. Questa attività gli occupò pienamente la vita, riservandogli sicurezza economica e soddisfazione personale. Sentimenti di cui si trovano tracce nell'opera poetica e letteraria. «Senza intendermi affatto, scrive Saba nel 1924 all'editore Giacomo Debenedetti, e nella città più refrattaria a questo genere di affari, sono riuscito a mettere su un'azienda. Sono più fiero di questo che del Canzoniere». Il volume dedicato alla storica libreria di via San Nicolò, oggi Studio di Artista per decreto ministeriale, è uscito al termine di un complesso lavoro di riordino e catalogazione del patrimonio librario e storico realizzato grazie al contributo del Comune di Trieste, della Regione, del Mibact e della Biblioteca statale Stelio Crise. Arricchirà l'incontro un ricco programma che comprende anche la presentazione di altri saggi e autori che indagano il rapporto fra scrittori e territorio, in una contaminazione fra vita, finzione narrativa e ispirazione poetica. La manifestazione è aperta alla cittadinanza e sarà seguita da una visita guida alla Libreria condotta dal proprietario Mario Cerne.