25 settembre 2017
Aggiornato 02:30
dopo la decisione della corte federale

Libertas Trieste: «Sarà un'annata di transizione: la serie A resta il nostro sogno»

Nella prossima stagione sportiva, la Libertas Trieste disputerà il Campionato di Libera Iscrizione. Per scelta e per motivi burocratici la società aveva optato di puntare tutto sul solo obiettivo della partecipazione alla serie A2 con conseguente perdita del diritto alla B2

Le ragazze della Libertas Trieste l'anno scorso durante una gara (© Facebook)

TRIESTE  - La Libertas Trieste comunica di aver rinunciato, su consiglio dei propri legali, a presentare ricorso alla decisione della Corte Federale della Fipav che aveva rigettato il precedente ricorso contro la mancata iscrizione della società al campionato di serie A2 2017-2018, non sussistendone i tempi e le motivazioni. La società infatti, all'atto della scadenza fissata, non aveva interamente versato il capitale sociale relativo all'aumento di capitale, condizione sine qua non per l'iscrizione al Campionato di serie A2 che, secondo i propri legali, avrebbe reso inutile anche un successivo appello all'ultimo grado di giudizio sportivo.

Tempi ristretti
«Purtroppo, causa il brevissimo tempo a disposizione, di soli 30 giorni, per il completamento dell'iter burocratico necessario a poter tentare la scalata verso quello che rimane il nostro sogno, la serie A - spiegano i vertici biancorossi - non siamo riusciti a raggiungere già in questa sessione il nostro obiettivo, ma faremo certamente tesoro di questa esperienza, così da poterci muovere rispettando la tempistica necessaria ad ottenere quanto prefissato nella prossima stagione sportiva. A confortarci, l'essere riusciti, in un mese appena, a rispettare al 99% le condizioni fissate dalla Lega per l'iscrizione. Il passo decisivo sarà quello di riuscire a ottemperare al 100% per la prossima stagione sportiva, quando ripresenteremo domanda di iscrizione alla serie maggiore non appena avremo acquisito il titolo sportivo da una società disposta a cederlo».

Sogno rimandato
L'appuntamento con la serie A quindi è solo rimandato. «Il nostro main sponsor, che ringraziamo per la fiducia accordataci, ci è rimasto infatti vicino - conferma la Libertas Trieste - e il suo sostegno ci consente di guardare con ottimismo alla prossima stagione sportiva, che sarà un'annata di transizione che affronteremo ripartendo dall'ultima serie. Una scelta, questa, operata per dare continuità al progetto e rimanere attivi nell'ambito regionale in attesa di poter riprovare a iscriverci alla serie A2 l'anno prossimo. Per la costruzione del roster della squadra attingeremo al nostro fertile vivaio e opereremo in collaborazione con le realtà sportive regionali. Ma l'obiettivo rimane quello di riportare Trieste al contesto e sul palcosenico pallavolistico che merita. Ringraziamo tutti i soggetti che ci sono stati vicini e in particolare, oltre agli sponsor, la Lega, la Federvolley e le Istituzioni in primis Comune di Trieste e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia che hanno creduto e hanno sostenuto il nostro progetto. Uno speciale ringraziamento va infine alla Cattolica Assicurazioni e all'Agente Alberto Duranti». Nella prossima stagione sportiva, la Libertas Trieste disputerà il Campionato di Libera Iscrizione. Per scelta e per motivi burocratici la società aveva optato di puntare tutto sul solo obiettivo della partecipazione alla serie A2 con conseguente perdita del diritto alla B2.