21 novembre 2018
Aggiornato 11:00

Trieste Mini Maker Faire, presentata la quarta edizione della festa dell'ingegno

Quasi 400 creativi, inventori, scienziati e artisti giungeranno dal Fvg, dall'Italia, dalla Slovenia e dalla Croazia e altri Paesi per la manifestazione che si svolgerà il 16 e il 17 settembre, al Campus del Centro Internazionale di Fisica Teorica “Abdus Salam” (ICTP) di Miramare
Un momento della presentazione di Trieste Mini Maker Faire 2017
Un momento della presentazione di Trieste Mini Maker Faire 2017 (Comune di Trieste)

TRIESTE - Dopo lo strepitoso successo delle passate edizioni, torna a Trieste la «Trieste Mini Maker Faire», la festa dell'ingegno di quasi 400 creativi, inventori, scienziati e artisti che giungeranno dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dall'Italia, dalla Slovenia e dalla Croazia e altri Paesi, e che si svolgerà il 16 e il 17 settembre, al Campus del Centro Internazionale di Fisica Teorica «Abdus Salam» (ICTP) di Miramare. La manifestazione - co-organizzata da Maker Media Inc., dal Centro Internazionale di Fisica Teorica «Abdus Salam» (ICTP) e dall’Amministrazione Comunale di Trieste, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Camera di Commercio Venezia Giulia, di Trenitalia, del Soroptimist Club Trieste e con la collaborazione di moltissimi altri partner e sponsor ancora in fase di definizione - è stata presentata nella Sala Tergeste del Palazzo Municipale dall'assessore comunale alla Comunicazione e Sistemi informativi e telematici, Serena Tonel, con il direttore di Area Lorenzo Bandelli, assieme ai coorganizzatori dell'ICTP, i Ricercatori Enrique Canessa e Carlo Fonda. 

Tutte le iniziative
«L'iniziativa, che vede la coorganizzazione del Comune di Trieste – ha spiegato l'assessore Tonel – riveste particolare importanza specie nell'ottica del ruolo che rivestirà Trieste con la recente nomina a «Capitale Europea della Scienza 2020» chiamando così a raccolta tutte le anime scientifiche del nostro capoluogo. Una manifestazione indirizzata principalmente ai giovani affinchè si avvicinino verso alcune professioni di spiccato interesse e molto richieste sul mercato del lavoro e di competitività a livello nazionale». Tonel ha poi aggiunto che nell'ambito della Trieste Mini Maker Faire saranno presenti ulteriori iniziative: «Trashware», varata dal Comune per la cessione gratuita di postazioni computer non più utilizzabili per le attività dell'Ente e dotate di software open-source. Pc che saranno consegnati nel corso della quarta edizione della manifestazione. Gli interessati hanno tempo ancora due settimane per farne richiesta, inviando entro le 10 del 7 settembre, una richiesta scritta via mail all'indirizzo comune.trieste@certgov.fvg.it con oggetto: «adesione all'iniziativa Trashware del Comune di Trieste 2017»

Hackaton Trieste
«Un'altra interessante iniziativa, sempre a cura del Comune – ha detto Bandelli – sarà «Hackaton Trieste », a cura del Social Media Manager comunale Christian Tosolin. Saranno 24 ore di competizione ad altissimo livello tecnico: un gruppo selezionato di concorrenti potrà cimentarsi sul rilevante tema delle «smart cities». Canessa ha portato i saluti del direttore dell'ICTP, Fernando Quevedo, ringraziando il Comune per il sostegno e la costante disponibilità per una festa che desterà sicuro interesse e curiosità per tutti i visitatori. Il collega Fonda ha poi illustrato il nutrito programma: «Quest'anno ci saranno molte novità e delle sorprese che non vogliamo ancora rivelare, che si scopriranno in loco».

Una quarta edizione davvero ricca
Un programma che include stampanti 3D, droni, robot, Arduino, sostenibilità, riuso&riciclo, software e hardware Open source, arte e musica, creatività e movimento Do-It-Yourself. Sono solo alcuni esempi dei campi in cui l’ingegno creativo diventa stimolo a costruire qualcosa di nuovo e che i visitatori della quarta Trieste Mini Maker Faire potranno sperimentare nel weekend del 16 e 17 settembre, negli oltre 10mila metri quadri del campus del Centro Internazionale di Fisica Teorica «Abdus Salam» (ICTP) di Miramare. Oltre a laboratori per bambini e ragazzi, mini-seminari, incontri e dibattiti di scienza, creatività e tecnologia, competizioni e spettacoli, droni, performances Fai-Da-Te. In sostanza, la Trieste Mini Maker Faire non è proprio «mini»: negli anni è diventata una grandissima festa per bambini, ragazzi, giovani, adulti, anziani e famiglie. Sono attesi 400 maker, creativi, entusiasti della tecnologia e hobbisti impegnati nella risoluzione di problemi concreti, in uno spirito di condivisione ma anche di spettacolo. Dai giochi di matematica alle stampanti 3D, dal software libero all’elettronica, l’obiettivo è presentare al pubblico i progetti nati dalle idee dei maker e condividere ciò che hanno imparato, in linea con l’approccio «mostra e dimostra» del movimento maker a livello internazionale. Famiglie, bambini e persone di ogni età avranno la possibilità di rivolgere uno sguardo al futuro confrontandosi con i maker e con le loro invenzioni nel corso di due intere giornate, per 17 ore complessive, nei giorni di sabato 16 (dalle 11 alle 20) e domenica 17 settembre 2017 (dalle 10 alle 18). L’ingresso sarà come sempre gratuito per tutti. 

La novità del picnic
La novità per la divulgazione scientifica del 2016 è stata lo svolgersi del primo Science Picnic di Trieste: un giorno di festa della scienza dedicato alle scuole di ogni ordine e grado del Friuli Venezia Giulia e dintorni. Durante il weekend del 16 e 17 settembre 2017 verrà riproposto, portandolo a ben due giornate, sotto forma di una speciale area del campus dedicata alla scienza e ai più giovani: il Villaggio Science Picnic. Sarà un’ulteriore occasione di divertimento e di creatività all’interno della quarta Trieste Mini Maker Faire: studenti e insegnanti potranno assistere e partecipare a una vasta scelta di esperimenti interattivi, spettacoli, brevi incontri su svariati argomenti scientifici, laboratori didattici, interventi di divulgatori e ricercatori. 

Giovani e tecnologia
Lo scopo sarà ancora quello di avvicinare i giovani al lato creativo della scienza e della tecnologia per appassionarli, affinché considerino la possibilità di una carriera nella ricerca. Lo stile sarà quello informale e allegro ormai già molto apprezzato dagli studenti e dagli insegnanti, secondo il format già premiato dalla Commissione Europea come uno dei dieci migliori progetti europei dell’ultimo decennio nel campo «Scienza e Società». Tutti gli studenti, gli insegnanti e le scuole di ogni ordine e grado sono invitati a partecipare, non sarà necessaria alcuna prenotazione in anticipo, il programma completo sarà disponibile dal 1 settembre. Il Centro Internazionale di Fisica Teorica di Miramare sarà raggiungibile con i treni regionali da e per Trieste, che effettueranno una fermata straordinaria alla Stazione di Miramare (per gentile concessione di Regione Friuli Venezia Giulia e Trenitalia) e con i bus (linea 6). 

Entrambe le giornate sono a ingresso gratuito e a tutte le attività, sia per i visitatori che per gli esposito