19 novembre 2017
Aggiornato 15:00
l'intervento della polizia

Lo sorprendono mentre cerca di sostituire la targa del motorino rubato: arrestato

Ieri sera la Polizia di Stato di Trieste ha arrestato per ricettazione in concorso un triestino, D.O., nato nel 1989 e già noto alle forze dell’ordine

Polizia di Stato (© Diario di Trieste)

TRIESTE - Ieri sera la Polizia di Stato di Trieste ha arrestato per ricettazione in concorso un triestino, D.O., nato nel 1989 e già noto alle forze dell’ordine. Un ragazzo ha notato parcheggiato in via San Pelagio lo scooter della sorella recentemente rubatole e ha informato il 112. Mentre sul posto si stava recando un equipaggio della Squadra Volante della Questura, il richiedente ha segnalato che un giovane era salito a bordo del mezzo e si stava allontanando. Poco dopo gli operatori lo hanno individuato nelle vicinanze, sorprendendolo intento a sostituire la targa con una in suo possesso. Con lui il triestino M.S. del 1966 e il venezuelano G.B. del 1980, entrambi già noti alle forze dell’ordine. 

Sequestro
Sul sellino e sul pianale dello scooter gli operatori hanno trovato una pinza, due giravite, un taglierino, una spatola da muratore e un baratto di deodorante, il tutto appartenente a O. e sottoposto a sequestro. Ricostruito l’episodio, dopo le formalità di rito, l’uomo è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari, mentre gli altri due sono stati deferiti in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica sempre per ricettazione in concorso.