19 novembre 2017
Aggiornato 15:00
In tre anni coinvolti oltre 250 ragazzi dai 7 ai 14 anni

Presentati i risultati del progetto “Sport, Emozioni e cervello”

Oltre al Comune di Trieste, il progetto ha visto come partner l'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata, la Sissa, Scuola Superiore di Studi Avanzati, l'Università di Trieste con il Dipartimento di Scienze della Vita, il Coni e l'Associazione Le Buone Pratiche onlus

Presentati i risultati del progetto “Sport, Emozioni e cervello” (© AdobeStock | godfer)

TRIESTE - «In tre anni di attività oltre 250 ragazzi dai 7 ai 14 anni, che provengono da scuole e ricreatori comunali, hanno avuto la possibilità di sperimentare e frequentare attività sportive convenzionate, praticando discipline come: atletica, pallavolo, basket, canoa, judo, karate e ginnastica artistica, ma soprattutto scoprendo la positività e il benessere offerto dallo sport e dallo stare insieme, divertendosi e crescendo in modo sano». Lo ha detto l'assessore comunale all'Educazione Angela Brandi intervenendo, giovedì 14 settembre, alla presentazione dei risultati del progetto «Sport, Emozioni e cervello», progetto di avvio alla pratica sportiva e promozione di uno stile di vita sano per avvicinare i giovani ai vantaggi dello sport.

Lo sport migliora l'attività cognitiva
Oltre al Comune di Trieste, il progetto ha visto come partner l'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata, la Sissa, Scuola Superiore di Studi Avanzati, l'Università di Trieste con il Dipartimento di Scienze della Vita, il Coni e l'Associazione Le Buone Pratiche onlus. «Questa positiva iniziativa di sensibilizzazione alla pratica sportiva e per la promozione di uno stile di vita sano - ha aggiunto l'assessore Brandi - dimostra come lo sport migliora l'attività cognitiva e fa bene al fisico, confermando i tanti benefici che si possono ottenere, anche con migliori prestazioni nel ragionamento logico, la memoria di lavoro, il vocabolario e i tempi di reazione, prevenendo pure disturbi dell'umore come la depressione e l'ansia».   «Ho apprezzato - ha concluso l'assessore Angela Brandi - che in questo progetto siano stati coinvolti attivamente i ricreatori comunali Pitteri, De Amicis, Padovan, Brunner e Stuparich, realtà nelle quali abbiamo sempre cercato incentivare l'attività sportiva, anche grazie alla proficua collaborazione e al nuovo protocollo d'intesa siglato con il Coni».