13 maggio 2021
Aggiornato 03:30
novità

Alla scoperta della storia di Trieste e del suo porto con l'evento 'Luci e suoni in 3D'

Sarà uno spettacolo inedito in 3D, messo in scena dal 25 settembre al 7 ottobre, con inizio alle 20.15, offerto ai partecipanti e ai turisti della Barcolana nella suggestiva cornice del Porto Vecchio

TRIESTE - «Per il Comune di Trieste è un po' la prima volta, in quanto oggi siamo titolari dell'area e questo spettacolo di "Luci e suoni" è anche un'opportunità in più per far conoscere a velisti e turisti, in occasione della Barcolana, la storia del Porto Vecchio». Si è espresso così il vicesindaco Roberti nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa promossa da Regione FVG, Comune, AIRSAC Europa, Autorità Portuale e Trieste Trasporti, a cui hanno partecipato Giuliano Zanier che ha curato la regia e la riduzione teatrale e Serafino Marchiò Lunet per la regia di Luci e Suoni 2017.

Gli spostamenti
«Nell'occasione – ha precisato Roberti – oltre all'accesso veicolare sarà aperto anche ai pedoni il varco di viale Miramare che vorremmo mantenere sempre aperto e più fruibile da parte dei visitatori. Un ringraziamento particolare va rivolto a Trieste Trasporti per il servizio aggiuntivo messo a disposizione con il bus che partirà da piazza Oberdan (alle 19.45) per raggiungere il Porto Vecchio e rientro a fine spettacolo. Stiamo inoltre verificando con gli organizzatori della Barcolana la possibilità di poter offrire anche un servizio marittimo tramite il Delfino Verde, senza creare intralcio alle imbarcazioni partecipanti». 

L'evento
«Luci e Suoni» versione 2017 sarà uno spettacolo inedito in 3D, messo in scena dal 25 settembre al 7 ottobre, con inizio alle 20.15, offerto ai partecipanti e ai turisti della Barcolana nella suggestiva cornice del Porto Vecchio, che farà ripercorrere la storia di Trieste e del suo Porto attraverso la recitazione e la narrazione con attori e interpreti di importanti personaggi ( «La bora e il Carso», Maria Teresa, Giuseppe II, Giacomo Casanova, James Joyce e Italo Svevo). «Sono 58 anni di spettacoli di Luci e Suoni a Trieste (1959-2017) – ha detto Serafino Marchiò Lunet -. Dopo il successo registrato per decenni con le proiezioni ai Castelli di Miramare e di Duino, alla Grotta Gigante, alla Villa Revoltella e in altri luoghi importanti della città, quest'anno lo spettacolo sarà proiettato sulla facciata, retro del Magazzino 26 e rivissuto attraverso i grandi protagonisti della storia e della cultura della città, amplificando così il fascino del Porto Vecchio in un'atmosfera fiabesca, capace di incantare visitatori e turisti. Uno spettacolo unico dove il teatro radiofonico si abbina all'architettura di effetti di luce in un perfetto connubio fra arte, cultura e tecnologia»

Storia e cultura
«A differenza degli altri anni – ha spiegato Giuliano Zannier - è stato scelto di creare un 'manifesto' che rispecchiasse la città, la sua cultura, la sua storia, per far conoscere ai visitatori, anche attraverso le sue realtà paesaggistiche e personaggi di fama internazionale quali Joyce, Svevo, Maria Teresa e altri ancora, il cuore pulsante di Trieste».