20 gennaio 2019
Aggiornato 14:30
chiusura della programmazione estiva

Jazz al limite, con l' U.T. Gandhi Trio

Serata all'insegna della qualità musicale ed enogastronomica in quel di Cormons, dove la nuova realtà de Il Limite - Schianchi food non è nuova a proporre serate con artisti di grandissimo livello
Jazz al limite, con l' U.T. Gandhi Trio
Jazz al limite, con l' U.T. Gandhi Trio

CORMONS - Serata all'insegna della qualità musicale ed enogastronomica in quel di Cormons, dove la nuova realtà de Il Limite - Schianchi food non è nuova a proporre serate con artisti di grandissimo livello. A chiudere la programmazione estiva l' U.T. Gandhi Rogue One Trio che allieterà i presenti con un paio di ore del miglior jazz marca seventies. Il vulcanico batterista di certo non ha bisogno di presentazioni, sulla scena da quasi quarant'anni, ma è piacevole sempre ricordare le sue collaborazioni internazionali con musicisti del calibro di Richard Galliano, Stefano Bollani, Gianluca Petrella, e solo per citare i miei preferiti.

Il miglior jazz marca seventies
Il 'maestro' si fa accompagnare all'organo hammond da un altro mostro sacro di casa nostra - Rudy Fantin - eleganza nel tocco che scivola via come un calice delle migliori bollicine proposte à la carte. Chitarra - Giuliano Michelini - mio personale amico nonché organizzatore di una delle rassegne jazz invernali più riuscite all'Elliot di Manzano, ed in splendida forma. A quest'ultimo chiederò, durante la pausa tra la prima e la seconda parte, da quanto tempo il trio suonasse assieme (colpito dall'affiatamento dei tre). Il medesimo mi risponderà con un sorriso e con un «beh, è già la seconda volta!» Musicisti, che altro aggiungere...

Anteprima del azz & Wine of Peace Festival
Gli ospiti de 'Il Limite' dimostrano di gradire la serata, a dir il vero poco estiva, ma le rivisitazioni di Zawinul e Coltrane ed il sentito omaggio a John Abercrombie (leggenda jazz scomparso da poco) la riscaldano di certo. E qualche taglietto di qualità con il giusto abbinamento di certo aiuta.
Un'anteprima (in pratica) di quello che sarà l'appuntamento cormonese per eccellenza, quel Jazz & Wine of Peace Festival che tra un mese invaderà ogni via (ed ogni cantina!) della capitale del Collio. Ed un'intera settimana ancora di jazz... sempre al limite!