20 gennaio 2019
Aggiornato 14:00
truffata e derubata

«Suo figlio ha causato un incidente: servono 6mila euro»: anziana cade nella truffa

La donna gli ha risposto ad un finto avvocato di non avere la somma e che avrebbe potuto versare a titolo di cauzione gli oggetti in oro che aveva in casa. L'uomo l'ha confortata e informata che da lì a poco sarebbe stata raggiunta da un suo incaricato
Polizia di Stato
Polizia di Stato Diario di Trieste

TRIESTE - Ieri mattina una signora triestina ha ricevuto una telefonata da parte di un uomo che riferiva di essere un avvocato. In perfetto italiano e garbatamente, le ha detto che suo figlio aveva causato un incidente e per che risolvere la vicenda, onde evitare ulteriori sanzioni, avrebbe dovuto versare 6 mila euro. La donna gli ha risposto di non avere tale somma e che avrebbe potuto versare a titolo di cauzione gli oggetti in oro che aveva in casa. Il sedicente avvocato l'ha confortata e informata che da lì a poco sarebbe stata raggiunta da un suo incaricato. Una volta a casa e ottenuti alcuni oggetti in oro, questo complice, sempre in perfetto italiano, l'ha ringraziata e si è allontanato. 

La scoperta
Con il passare dei minuti, però, la donna ha iniziato ad avere dubbi e ha sentito il figlio ed ha capito di essere stata truffata e derubata. Ha telefonato al 112 e sul posto si è recato un equipaggio della Squadra Volante della Questura. Considerata la frequenza di simili gravi episodi, si invitano tutte le persone a diffidare da simili comportamenti, messi in atto da individui che cercano di carpire la fiducia di soggetti deboli, come persone anziane o che vivono da sole, per mettere in atto truffe e raggiri. Al minimo sospetto e, comunque, per verificare situazioni che appaiono dubbie o anomali, si invita la cittadinanza a informare prontamente le Forze dell’Ordine e di non avere alcun timore nel segnalare questi episodi.