21 gennaio 2019
Aggiornato 21:00
il caso

«Vuoi vivere con mamma o con papà?»: si avvicina la decisione del Tribunale sul bimbo 'conteso'

Il procedimento si trascina da diversi anni e riguarda un padre triestino, che ha in affidamento il figlio di sei anni, e la madre, originaria di un paese sudamericano, forte di una sentenza di un tribunale del suo Paese secondo il quale il bambino dovrebbe restare oltreoceano
Si conclude la vicenda del bimbo "conteso"
Si conclude la vicenda del bimbo "conteso"

TRIESTE - Si avvia all'epilogo la vicenda del bambino "conteso" al quale, nello scorso gennaio, il Tribunale dei minori di Trieste ha deciso di chiedere se vuole vivere in Italia, con il padre, o nel paese di sua madre, in America latina. Davanti al Tribunale triestino, si è svolta l'ultima udienza del procedimento di affidamento e i giudici di sono ritirati in camera di consiglio. Come riporta l'Ansa, il procedimento si trascina da diversi anni e riguarda un padre triestino, che ha in affidamento il figlio di sei anni, e la madre, originaria di un paese sudamericano, forte di una sentenza di un tribunale del suo Paese secondo il quale il bambino dovrebbe restare oltreoceano. Si è saputo, comunque, che è stato acquisito agli atti il parere del bambino, sentito al termine di un lungo percorso svoltosi in forma protetta e nel suo ambiente domestico in cui è stato assistito da una psicologa.