18 novembre 2019
Aggiornato 00:00
furto con strappo e rapina

Derubavano persone anziane: arrestati due giovani

I carabinieri della Stazione CC di Trieste Borgo San Sergio hanno arrestato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Trieste, due cittadini extracomunitari già noti alle forze dell’ordine, O.E. - 25enne di origine turca - e B.F. – 23enne di origine kosovara
Carabinieri
Carabinieri Diario di Trieste

TRIESTE - I carabinieri della Stazione CC di Trieste Borgo San Sergio, a conclusione di mirate ed articolare indagini, hanno arrestato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Trieste, due cittadini extracomunitari già noti alle forze dell’ordine, O.E. - 25enne di origine turca - e B.F. – 23enne di origine kosovara, poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di furto con strappo e rapina commesse ai danni di cinque persone anziane il 12 luglio 2017 (il giorno del Vertice Intergovernativo sui Balcani), in via Frescobaldi, via Praga e via Settefontane.

Le modalità 
Si è trattato di un vero e proprio raid condotto nei confronti di persone indifese, ferme alla fermata dell’autobus o che passeggiavano per strada. I due malviventi avvicinavano le vittime e, con un movimento fulmineo, strappavano la catenina dal collo (sono riusciti a portarne via 4) oppure tentavano di strappare la borsa (ci hanno provato in un caso senza successo). I militari dell’Arma di Borgo San Sergio, coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno avviato subito le indagini al fine di identificarne gli autori, in base alle descrizioni fornite dalle vittime e da alcuni testimoni.

L'arresto
La lunga e meticolosa attività di riscontro investigativo ha portato all’identificazione degli autori, successivamente riconosciuti, senza ombra di dubbio, dalle vittime dei reati. Il GIP del Tribunale di Trieste, concordando con le risultanze investigative raccolte dai carabinieri e dando seguito alla richiesta formulata dal Pubblico Ministero, ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei due presunti responsabili. I Carabinieri, nel pomeriggio di ieri, hanno proceduto alla notifica dell’ordinanza, provvedendo ad associare i due autori presso la casa Circondariale di Trieste, a disposizione della Procura della Repubblica.