19 giugno 2018
Aggiornato 20:30

Philippe Daverio, una lectio magistralis per celebrare Maria Teresa d'Austria

L'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti: «Un colloquio certamente interessante e ricco di contenuti, tenuto da una persona colta che conosce bene la nostra regione e Trieste»

Torrenti e Daverio (© Regione Friuli Venezia Giulia)

TRIESTE - «Un colloquio certamente interessante e ricco di contenuti, tenuto da una persona colta che conosce bene la nostra regione e Trieste». L'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti, ha introdotto così la lectio magistralis tenuta a Trieste dal critico d'arte e scrittore Philippe Daverio per celebrare i trecento anni dalla nascita di Maria Teresa d'Austria, intitolata Spaghetti versus Kartoffeln e un'intera penisola che diventa "teresiana".

Daverio show
In una stazione marittima letteralmente gremita Daverio ha esordito illustrando la propria "riforma costituzionale", ovvero «un Parlamento di soli uomini, perché il Parlamento è un luogo di chiacchiere e gli uomini da sempre in Italia sono inclini ad esse, invece il governo sarà composto interamente di donne, perché loro sono capaci di fare». Daverio ha poi proseguito confessando di essere «europeista convinto, perché penso che chi parla due lingue è più sveglio di chi parla male solo il proprio dialetto», e ha ribadito che «noi siamo il prodotto della più bella concentrazione di culture della storia dell'umanità».