18 ottobre 2017
Aggiornato 00:00
l'attività della polizia ferroviaria

Operazione Stazioni Sicure, 15 persone identificate a Trieste

Una di queste era indagata in stato di libertà. A conferma della frequente attività di prevenzione, ormai condotta da tempo da questa Specialità di Polizia, non sono state rilevate particolari irregolarità

Polizia Ferroviaria (© Diario di Trieste)

TRIESTE - Proseguono i servizi di controllo straordinari in ambito ferroviario predisposti, a livello nazionale, dal Servizio di Polizia Ferroviaria. L’operazione, denominata «Stazioni Sicure», arrivata ieri alla sua nona giornata, ha visto il personale del Compartimento della Polizia Ferroviaria per il Friuli Venezia Giulia, in tale occasione, impegnato in una serie di servizi mirati al fine di migliorare la prevenzione dei crimini ed il controllo della legalità in ambito ferroviario, con particolare riguardo ai convogli, alle stazioni, agli obiettivi sensibili lungo le linee ferroviarie, nonché ai passeggeri ed ai bagagli. 

In Fvg e a Trieste
Nell’intero territorio regionale gli operatori impiegati hanno controllato nell’arco dell’intera giornata 38 scali ferroviari, ispezionato otto bagagli a seguito di viaggiatori ed identificate 104 persone, di cui sei sono state indagate in stato di libertà; inoltre è stata comminata una sanzione. L’attività di controllo messa in atto nella provincia di Trieste ha fatto sì che il personale impiegato abbia provveduto ad effettuare attenti controlli su tre obiettivi, nel corso dei quali si è proceduto all’identificazione di 15 persone, di cui una indagata in stato di libertà. A conferma della frequente attività di prevenzione, ormai condotta da tempo da questa Specialità di Polizia, non sono state rilevate particolari irregolarità.