15 dicembre 2017
Aggiornato 05:00
sanità

Buone pratiche di sanità: al via il contest Ipasvi per un progetto in ambito socio-sanitario

L’indizione del bando nasce da uno degli obiettivi che il Collegio Ipasvi Trieste si è dato per il triennio 2015/2017: consolidare il ruolo del cittadino quale interlocutore fondamentale, motore di progetti solidali ma anche destinatario degli interventi

Ipasvi promuove buone pratiche per il territorio (© Ipasvi Trieste)

TRIESTE -  Ipasvi promuove buone pratiche per il territorio: il Collegio che raggruppa oltre 2mila Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici d’Infanzia della provincia riparte con il suo progetto di crowdfunding a favore della solidarietà in ambito socio sanitario. Nel luglio scorso, in occasione della consueta Serata di Solidarietà che ha premiato l’Infermiere dell’anno, era stato promosso un contest rivolto alle iniziative con finalità di supporto socio-sanitario sul territorio. Grazie al crowdfunding della Serata era stato raccolto un autofinanziamento di 1000 euro che saranno appunto destinati alla realizzazione di progetti legati alla solidarietà e al reinserimento. Sarà premiato un progetto specifico realizzato da cittadini o da enti/associazioni del territorio, in fase di avvio o già in essere, finalizzato a un supporto fattivo alla cittadinanza in ambito sanitario, socio-sanitario o sociale. L’indizione del bando nasce da uno degli obiettivi che il Collegio Ipasvi Trieste si è dato per il triennio 2015/2017: consolidare il ruolo del cittadino quale interlocutore fondamentale, motore di progetti solidali ma anche destinatario degli interventi. Potranno quindi  partecipare le Associazioni di volontariato iscritte all’Albo/Registro delle Associazioni di Volontariato di cui all’art. 6 della Legge 11/08/1991. 

Tutte le informazioni
La deadline per la presentazione dei progetti è venerdì 20 ottobre, la Commissione Giudicante sarà composta da quattro membri del Direttivo e si riunirà nel corso del mese di novembre. L'Associazione o Ente assegnatario riceverà comunicazione direttamente dalla segreteria del Collegio. Lo scorso anno Ipasvi aveva sostenuto l’associazione Buon Pastore, che ha proposto un progetto ricreativo rivolto alle persone in carico al Dipartimento di Salute Mentale e alle loro famiglie e, negli anni precedenti,  Scricciolo onlus nata a supporto dei bambini prematuri, quindi l’Associazione Stelle sulla Terra legata alla dislessia e ai disturbi specifici dell'apprendimento e nel 2015 l’Associazione "I girasoli» onlus, una casa famiglia per persone diversamente abili.  Tutte le informazioni sull'avviso sul sito del Collegio Ipasvi Trieste www.ipasvitrieste.it  Info, tel 040.370122.