11 dicembre 2018
Aggiornato 16:30

A Fernetti due romeni in manette, mentre altri due si danno alla fuga

I due arrestati viaggiavano verso la Slovenia con altri due connazionali a bordo di un’autovettura con targa britannica, quando una pattuglia della Polizia di Frontiera ha intimato loro l’alt. I due fuggiaschi devono scontare gli arresti domiciliari in Italia
Polizia di Frontiera
Polizia di Frontiera (Diario di Trieste)

TRIESTE - Dovranno rispondere di procurata evasione i due cittadini romeni, un uomo e una donna poco più che trentenni, arrestati ieri sera a Fernetti dagli agenti del Settore Polizia di Frontiera di Trieste. I.P. e M.S.P., le loro iniziali, sono stati rinchiusi nel carcere locale di via del Coroneo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. L’uomo è accusato anche del reato di resistenza a pubblico ufficiale. I due arrestati viaggiavano verso la Slovenia con altri due connazionali a bordo di un’autovettura con targa britannica, quando una pattuglia della Polizia di Frontiera ha intimato loro l’alt.

Tentativo di fuga
Il conducente I.P. ha, però, proseguito la marcia, seppur lentamente; un agente intanto cercava di bloccare il veicolo e alla fine, dopo alcuni attimi di concitazione, I.P. si è visto costretto a fermarsi. A quel punto si sono aperte le portiere posteriori e due uomini sono balzati fuori dandosi alla fuga, per poi dileguarsi nella zona boschiva. Dai successivi accertamenti è emerso che si trattava di due cittadini romeni, di 31 e 46 anni, che avrebbero dovuto scontare gli arresti domiciliari rispettivamente nel nord e nel centro Italia.