15 dicembre 2018
Aggiornato 09:30

I maestri pizzaioli Francesco e Salvatore Salvo incontrano i vini Gravner

Un nuovo e insolito abbinamento: pizza e vino! Questa la proposta di una pizzeria di Napoli e di un'azienda agricola di Oslavia
I maestri pizzaioli Francesco e Salvatore Salvo incontrano i vini Gravner
I maestri pizzaioli Francesco e Salvatore Salvo incontrano i vini Gravner (Salvo Pizzaioli)

GORIZIA - Francesco e Salvatore Salvo sono in continua evoluzione, sempre intenti a scoprire prodotti di nicchia, per la cui trasformazione utilizzano tecniche gastronomiche accurate, e costantemente alla ricerca di nuovi abbinamenti per le loro pizze. In uno di questi percorsi gourmand, è nata una giornata di degustazione, coordinata da Pasquale Brillante, nella quale si sono confrontati alcuni tra i migliori sommelier campani, in forza presso rinomate strutture stellate, accanto alla produttrice dei vini Gravner. 

Pizza e vino
Lei, Mateja Gravner, arrivata in mattinata nel locale di San Giorgio a Cremano direttamente da Oslavia, un centro ad appena 5 kilometri da Gorizia, è rimasta estasiata dalla bontà delle pizze proposte dai fratelli Salvo: dieci assaggi, dalle classiche marinara e margherita ad altre già in carta, come la Pizza al pomodoro o l’Ortolana, dal segno vegetariano, esclusivamente con ortaggi di stagione; per passare alla marinara con bottarga e alla pizza con cipolla ramata di Montoro cotta sotto cenere, cipolla rossa di Tropea in agrodolce al vino rosso e tonno fresco. In abbinamento, sono state proposte alcune delle etichette Gravner, in particolare: Bianco Breg del 2008 e del 2009, entrambi affinati in anfora; Ribolla delle stesse annate e un Rujino del 2001, da uve Pignolo. 
«I nostri sono vini complessi, ma non complicati» ha dichiarato subito la Gravner «Nessuno aveva mai pensato di abbinarli alle pizze. Questa è la prima volta che li proviamo su un prodotto che si immagina semplice ma, se realizzato da maestri come Francesco e Salvatore Salvo, lo è solo in apparenza». 

Una pizza di alta cucina
Nella preparazione delle pizze proposte dai Salvo, la farcitura è il risultato di tecniche di alta cucina, grazie alle quali gli ingredienti trovano la loro dimensione ottimale. Come le cipolle, trattate con passaggi utili ad alleggerirne l’impatto o i pomodori della omonima pizza: sei varietà differenti, tutte di alta qualità e ognuna trattata con una differente tecnica di cucina. Vastissima la scelta e, non a caso, la cantina della 'Pizzeria Salvo da Tre Generazioni' è stata recentemente premiata, a livello nazionale, come 'Miglior cantina', selezionata tra oltre 500 concorrenti. Per chi volesse intraprendere una degustazione comprensiva di abbinamento ad hoc, sarà sufficiente prenotarsi scrivendo a: info@salvopizzaioli.it