19 giugno 2018
Aggiornato 20:30
Cronaca | Nel pomeriggio di venerdì 27 ottobre

Investe un 15enne sulle strisce e scappa: beccato il giorno dopo

Il conducente della 500 non ha accennato a fermarsi, ha continuato la sua corsa lasciando il ragazzo a terra (per fortuna le sue condizioni non sono gravi ma è stato tenuto in osservazione al pronto soccorso del Burlo Garofolo). La pattuglia del reparto motorizzato della polizia locale è arrivata in pochissimo tempo per raccogliere gli elementi utili, davvero molto pochi

Investe un 15enne sulle strisce e scappa: beccato il giorno dopo (© www.dronezine.it)

TRIESTE – Un ragazzo di 15 anni stava attraversando la strada sulle strisce, nel pomeriggio di venerdì 27 ottobre, in via San Giacomo in Monte, all'altezza di via Paolo Veronese: aveva quasi raggiunto il marciapiede quando è stato investito da una 500 proveniente da campo San Giacomo che ha ‘caricato’ il giovane sul cofano anteriore facendolo sbattere con violenza contro il parabrezza tanto da incrinarlo visibilmente. Il 15enne è poi balzato sul lato opposto della carreggiata, davanti a un altro mezzo, per fortuna, già fermo. 

Il conducente della 500 non ha accennato a fermarsi, ha continuato la sua corsa lasciando il ragazzo a terra (per fortuna le sue condizioni non sono gravi ma è stato tenuto in osservazione al pronto soccorso del Burlo Garofolo). La pattuglia del reparto motorizzato della polizia locale è arrivata in pochissimo tempo per raccogliere gli elementi utili, davvero molto pochi: la descrizione un po' incerta del mezzo (una 500 nuovo modello color bianco/crema, forse con il tetto rosso, il parabrezza danneggiato) e le prime due lettere della targa. Gli operatori non si sono dati per vinti: hanno iniziato a passare al setaccio tutti le carrozzerie, centri ripara-cristalli e meccanici. Allo stesso tempo la sala operativa ha diramato l'avviso di ricerca a tutte le pattuglie in servizio. 

La mattina successiva proprio una di queste ha intercettato un veicolo che corrispondeva alla descrizione (parcheggiato in modo da nascondere il parabrezza), vicino a un meccanico in zona Borgo San Sergio: analizzata la vettura e i danni visibili, è stato confermato si trattasse della 500 incriminata. Quando gli agenti hanno identificato il guidatore e si sono recati alla sua abitazione, un familiare li ha informati che l'uomo M.B. di 52 anni stava andando in Questura per costituirsi. I colleghi della Polizia di Stato lo hanno accompagnato alla caserma di polizia locale dove lo stava aspettando l'ispettore capo, responsabile dell'indagine. Gli sono stati contestati la fuga, l'omissione di soccorso, il la mancata informazione al momento dell'incidente e la mancata precedenza a un pedone. Il Pm incaricato ha disposto anche il sequestro del mezzo.