17 dicembre 2018
Aggiornato 11:00

Al Teatro Verdi di Gorizia il musical "Il giro del mondo in 80 giorni" apre le Pomeridiane

Un viaggio per i continenti nell’epoca delle invenzioni, in un’atmosfera sorprendente e divertente che affascinerà i più piccoli e non solo
Al Teatro Verdi di Gorizia il musical "Il giro del mondo in 80 giorni" apre le Pomeridiane
Al Teatro Verdi di Gorizia il musical "Il giro del mondo in 80 giorni" apre le Pomeridiane (Teatro comunale Giuseppe Verdi di Gorizia)

GORIZIA - Un viaggio per i continenti nell’epoca delle invenzioni, in un’atmosfera sorprendente e divertente che affascinerà i più piccoli e non solo: il Teatro Verdi di Gorizia porterà i suoi spettatori a fare Il giro del mondo in ottanta giorni, domenica 12 alle 16, primo appuntamento del cartellone Verdi Young Pomeridiane della stagione artistica 2017-2018.

Spettacolo ispirato al romanzo di Verne
Liberamente ispirato al romanzo di Jules Verne, lo spettacolo del Fantateatro racconta la storia di Phileas Fogg e della sua scommessa: compiere il giro del mondo entro ottanta giorni e ritornare a Londra dai soci del Reform Club. Per il gentleman britannico e il suo maggiordomo Passepartout inizia così una rocambolesca corsa contro il tempo, a bordo dei mezzi più diversi e alla scoperta di culture lontane, in India, Cina, Giappone, Stati Uniti d’America e non solo. Durante il viaggio Phileas Fogg incontrera l’amore e scoprirà la fedeltà e l’amicizia del suo maggiordomo, ma dovrà vedersela anche con una spietata poliziotta inglese che a causa di un equivoco lo crederà colpevole di un ingente furto. All’ambientazione contribuiranno le videoproiezioni, che, con aperture e finestre, accompagneranno gli attori e lo spettatore su treni, navi, e persino elefanti.

Abbonamenti
Per abbonamenti e biglietti il botteghino del Teatro, in corso Italia (tel. 0481 383602) è aperto dal lunedì al sabato dalle 17 alle 19. I biglietti sono disponibili anche sul circuito Viva ticket.

Nomi prestigiosi per la stagione 2017-2018
A inaugurare la stagione sarà giovedì 26 ottobre Simone Cristicchi: nell’ambito del cartellone di Musica e balletto il 'cantattore' tornerà al Verdi con La buona novella di Fabrizio De André, proposta in versione per orchestra sinfonica e coro giovanile scritta da Valter Sivilotti.
Tanti i nomi prestigiosi che calcheranno il palcoscenico goriziano nella stagione artistica 2017-2018: Raoul Bova, Chiara Francini, Ambra Angiolini, Umberto Orsini, Francesca Inaudi, Violante Placido, Paolo Ruffini, Giorgio Pasotti, Massimo Ranieri, Angela Finocchiaro, Ariella Reggio e Arturo Brachetti, tanto per fare qualche esempio. Una stagione che emozionerà, divertirà e farà riflettere. Riconfermato e implementato su input del Comune, sulla scia del successo ottenuto lo scorso anno, il cartellone Young, dedicato a scuole e famiglie, con una doppia recita in lingua inglese per le scuole.

La novità del 'Verdi Off'
Ma la vera novità è rappresentata dal Verdi Off, introdotto con una duplice finalità: allargare ulteriormente la platea di spettatori, coinvolgendo in prima persona giovani e universitari, e offrire una visione lucida del quotidiano, attraverso proposte originali di compagnie riconosciute e pluripremiate. Un’occasione per conoscere il lavoro di artisti emergenti, che con i loro spettacoli veicolano nuovi linguaggi dando uno sguardo acuto sul contemporaneo. Il rapporto tra l’uomo e le sue perversioni sarà analizzato martedì 16 gennaio in Pitecus, spettacolo che Antonio Rezza ha scritto insieme a Flavia Mastrella e che interpreta. La paranza dei bambini, in scena giovedì 1 febbraio, è frutto dell’incontro tra l’omonimo libro di Roberto Saviano e il drammaturgo e regista teatrale Mario Gelardi. Sei animali notturni, illusi e perdenti, che provano a combattere aggrappati ai loro piccoli squallidi sogni sono invece i protagonisti di Animali da bar, spettacolo della Carrozzeria Orfeo. Il pluripremiato monologo La merda chiuderà il cartellone Off martedì 13 marzo.