12 dicembre 2017
Aggiornato 09:00
Il 5 dicembre

Condannato ed espulso, rientra in Italia con altre generalità: arrestato a Fernetti

Il giovane di nazionalità albanese era stato condannato a due anni di reclusione per furto aggravato e lesioni personali aggravate; alla condanna è seguita l’espulsione giudiziaria come pena alternativa

Condannato ed espulso, rientra in Italia con altre generalità: arrestato a Fernetti (© Polizia di Stato)

TRIESTE - Condannato in via definitiva a Vicenza ed espulso con accompagnamento alla frontiera aerea di Verona, dopo quasi tre anni rientra in Italia e finisce in manette. Si tratta di un cittadino albanese, G.S. di 22 anni, arrestato nella mattina del 5 dicembre a Fernetti da una pattuglia del settore polizia di Frontiera di Trieste.

Furto aggravato e lesioni personali aggravate
Il giovane stava tornando in Italia nonostante il divieto di reingresso di cinque anni imposto con il provvedimento di espulsione. Da qui l’arresto e il trasferimento nel carcere di via del Coroneo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il giovane era stato condannato a due anni di reclusione per furto aggravato e lesioni personali aggravate; alla condanna è seguita l’espulsione giudiziaria come pena alternativa. 

Passaporto con altre generalità
Il cittadino extracomunitario viaggiava a bordo di un autobus di linea, Tirana-Milano, che è stato fermato nell’ambito delle consuete attività di retrovalico. Durante il controllo dei documenti, l’atteggiamento piuttosto teso di G.S. e le sue dichiarazioni sul motivo del viaggio in Italia hanno insospettito i poliziotti. Dalle successive verifiche è emerso che il passeggero extracomunitario aveva esibito un passaporto con altre generalità.