16 agosto 2018
Aggiornato 16:00

Ambiente: presentazione del piano sull'amianto a Trieste

L'assessore regionale all'Ambiente, Sara Vito, annuncia la presentazione del nuovo piano regionale amianto del Friuli Venezia Giulia
Ambiente: presentazione del piano sull'amianto a Trieste
Ambiente: presentazione del piano sull'amianto a Trieste (Shutterstock.com)

FVG - Ha colto l'occasione dell'incontro organizzato dai comitati di rione di Monfalcone l'assessore regionale all'Ambiente, Sara Vito, per annunciare che il prossimo 12 dicembre, in Regione a Trieste, sarà presentato ai portatori di interesse il nuovo piano regionale amianto del Friuli Venezia Giulia. Vito, è intervenuta nella biblioteca comunale di Monfalcone dopo le relazioni dei tecnici dell'Arpa e dell'Azienda sanitaria, i quali hanno illustrato la situazione nel Friuli Venezia Giulia, e le modalità di gestione dell'amianto presente sul territorio, con
particolare riferimento all'importante azione di smaltimento già effettuata grazie alle iniziative della Regione, e tuttora in corso.

Uno strumento importante
L'assessore ha esordito, ricordando che ieri si è chiusa la conferenza dei servizi per il rilascio alla Fincantieri dell'Autorizzazione integrata ambientale (Aia): un passaggio, che rappresenta un ulteriore elemento di garanzia per l'ambiente, per gli abitanti e per i lavoratori. L'assessore, si è poi richiamata ai contenuti della terza conferenza nazionale sull'amianto, alla quale ha partecipato lo
scorso fine settimana, a Casale Monferrato, per ribadire che il Friuli Venezia Giulia fa parte del Tavolo istituzionale sull'amianto, in rappresentanza delle altre Regioni, e in particolare per quanto attiene gli aspetti tecnici inerenti l'ambiente. Il nuovo piano regionale amianto, ha detto Vito, deliberato in prima fase di attuazione dalla Giunta, racchiude la sintesi dell'esperienza maturata in questi anni dall'Amministrazione del Friuli Venezia Giulia.  Questo importante strumento, ha quindi precisato, è tuttora aperto alle osservazioni e ai contributi che tutti gli interessati potranno portare.

I vari finanziamenti 
Vito ha poi ricordato nel dettaglio l'impegno della Regione, che ha finanziato la bonifica dell'amianto da parte degli enti pubblici, delle aziende e dei privati. L'Amministrazione regionale ha infatti stanziato, per il 2017, oltre 1 milione e 760 mila euro. Somma, che è stata ripartita, per il 62 per cento alle aziende (un milione e 100 mila euro), per il 21 per cento ai privati (oltre 366 mila euro), e per il restante 17 per cento ai Comuni (quasi 300 mila euro), sulla base delle richieste pervenute. I contributi riservati ai Comuni sono stati destinati, per il 36 per cento nella Provincia di Gorizia, per il 30 per cento in quella di Udine, per il 27 per cento nella Provincia di Trieste, e per il 7 per cento in quella di Pordenone. I contributi per le aziende sono stati distribuiti: per il 53 per cento alle imprese della Provincia di Udine, per il 28 per cento a quelle della Provincia di Pordenone, per il 15 per cento a quella della Provincia di Gorizia, per il 4 per cento a quelle
della Provincia di Trieste.

Un nuovo archivio regionale
Il sostegno ai privati per la rimozione dell'amianto, è invece stato distribuito: per il 53 per cento nella Provincia di Udine, per il 28 per cento in quella di Trieste, per il 12 per cento in quella di Pordenone, per il 7 per cento in quella di Gorizia. Anticipando alcuni aspetti del nuovo piano regionale, Vito si è anche soffermata sul censimento della presenza dell'amianto sul territorio, assieme alla relativa mappatura, che verranno realizzati sulla base delle previsioni del nuovo strumento di programmazione. E ha concluso ricordando che sarà creato un archivio regionale amianto, e verranno effettuati controlli sull'attività di smaltimento e di bonifica.