19 ottobre 2018
Aggiornato 06:30

Eventi a Trieste, ecco cosa fare martedì 12 dicembre

Dal teatro, alla musica, alla cultura, inizia in tranquillità la settimana triestina. Ecco cosa vi attende in città e che non potete perdere
Trieste, ecco cosa fare martedì 12 dicembre
Trieste, ecco cosa fare martedì 12 dicembre (Shutterstock.com)

TRIESTE – Dagli spettacoli a teatro al jazz, dai libri allo swing. Ecco qualche consiglio per iniziare bene la settimana in città e non perdere gli appuntamenti più interessanti.

A teatro
Al Teatro Sloveno, alle 21, lo spettacolo «Piazza Cirimiri – ridere sotto la pioggia». Lo spettacolo nasce ad ottobre scorso come uno spettacolo tragicomico a puntate ambientato in una piazza che rappresenta un po’ tutte le piazze del mondo. La scenografia è molto semplice, composta solo di un lampione e di una panchina. Ad animare la scena sono i personaggi che si susseguono sul palco raccontandoci le loro storie. Lo spettacolo è adatto sia ai bambini che agli adulti.

Musica live
Alla Libreria Knulp, alle 21, jam session con gli studenti della Scuola Jazz del Conservatorio Tartini. Per informazioni: www.knulp.org.

Libri
Alla Libreria Ubik, alle 18, la presentazione di «Campo Hobbit 1977». Quella del ‘77 in Italia è stata forse l’ultima grande stagione di partecipazione giovanile. In mezzo al piombo e alle molotov un’intera generazione, senza distinzioni di colore politico, chiedeva un forte cambiamento. Accanto a raduni come Parco Lambro nell’estate del 1977 arrivò anche Campo Hobbit, pronto a mostrare uno spaccato diverso dai luoghi comuni di una destra tutta «legge e ordine», dipinta per la violenza dei «picchiatori fascisti» e la nostalgia di un Ventennio mussoliniano dove i treni arrivavano in orario. Gli esclusi e autoesclusi raggiunsero Montesarchio, un paese della provincia di Benevento, occupando con le loro tende un campo da calcio fra «musica alternativa», dibattiti e banchetti pieni di riviste e libri underground. Il fenomeno delle radio libere, la grafica, la metapolitica con temi da sviluppare quali l’ecologia, la dimensione femminile, la poesia, la musica, il fumetto svelarono così una voglia di vivere nel presente. E la creatura letteraria di Tolkien diventò lo strumento per uscire dall’angolo in cui quell’ambiente era stato cacciato o si era infilato. Un percorso ricostruito nel libro «… leggete Tolkien, stolti!» Campo Hobbit 1977. Quando i giovani di destra fecero il ‘68, curato dal giornalista Pietro Comelli per l'editore Spazio InAttuale, che sarà presentato dall’autore assieme a Simone Paliaga, docente di Filosofia e collaboratore di Avvenire, martedì 12 dicembre alle 18 alla libreria Ubik di galleria Tergesteo in piazza della Borsa a Trieste.

Swing
All'Antico Caffè San Marco, dalle 22, Swing Night. Luci soft, atmosfera calda, «Shine your shoes and come along: it'll be magic!». Per informazioni: www.libreriacaffesanmarco.ts.it.