25 maggio 2018
Aggiornato 16:30
Appuntamenti

Eventi a Trieste, 12 cose da fare il 16 e 17 dicembre

Dal Guinnes dei primati, allo sporti, dalla musica agli spettacoli. Ecco tutto quello che vi attende in città e come non perdere i momenti migliori del weekend

Trieste, 12 cose da fare il 16 e 17 dicembre (© Shutterstock.com)

TRIESTE – Il Valzer da Guinne in piazza, gli spettacoli a teatri ed ancora mostre, concerti, eventi natalizi e molto altro per questo weekend triestino. Ecco qualche consiglio per godersi gli appuntamenti più interessanti.

Un Valzer da Guinnes
Trieste vuole entrare nel Guinness dei Primati con il valzer più numeroso al mondo. L’evento, organizzato dal Comune di Trieste, richiederà la partecipazione di quanta più gente possibile: per poter battere il precedente record saranno necessarie almeno 1511 coppie. Appuntamento sabato 16 dicembre in Piazza Unità alle 17. Le iscrizioni si effettueranno in loco il giorno stesso dell’evento. I partecipanti saranno divisi in gruppi di 50 persone. Ciascun gruppo sarà posizionato in un’area della Piazza e danzerà sotto la supervisione di un giudice. Programma: alle 17 apertura delle iscrizioni, alle 18: Valzer. Vi raccomandiamo di arrivare con congruo anticipo per poter garantire lo svolgimento dell’evento in modo fluido.

Spettacolo
Al Teatro Orazio Bobbio, sabato 16 dicembre, alle 20.30, Sabina Guzzanti in «Come ne venimmo fuori». Ci troviamo nel futuro. Un futuro finalmente armonico e civile dove il denaro è tornato ad essere semplicemente un mezzo. Una donna sale sul palco tremolante, tocca a lei pronunciare il discorso celebrativo sulla fine del periodo storico più buio che l'umanità abbia mai fronteggiato: il periodo che va dal 1990 al 2041.

Musica a teatro
Al Teatro Miela, sabato 16 dicembre, alle 20.30, «Voci e suoni dall'Istria» Tre atti unici in dialetto istriano con Comunità degli istriani di Materada con «Pericolo in mutande» di Vlado Rota, Comunità degli Italiani di Buje con «La Veja» testo e regia Rosanna Bubola, Filodrammatica della comunità degli italiani di Buje con «Tuto bel quel che finissi ben» testo e regia Lorena Lubiana Bellè.

Musica live
Sabato 16 dicembre al Round Midnight, il live di Egreen. Dopo 11 dischi e 13 anni di carriera, Egreen è decisamente uno dei nomi più caldi dell’underground rap italiano, noto per la sua attitudine hardcore e per i suoi live energetici, crudi e coinvolgenti. Arriva al Round Midnight con il suo progetto che lo vede dietro ad una consolle, spaziando dall'old school al clubbing e con l'unico obbiettivo di farvi ballare

Dicembre al mercato coperto
Prosegue al Mercato Coperto di via Carducci la manifestazione «Dicembre al Mercato Coperto». Il programma prevede per sabato 16 dicembre alle 11 presso la rotonda del Mercato Coperto l'esibizione a ingresso libero del Coro «E noi cantemo» di Rena Vecia. Canzoni tradizionali triestine. Il Coro «E noi cantemo» di Rena Vecia, già ammirato nel film Babylon Sisters,  è un gruppo vocale composto da alcuni soci del Circolo stesso, quasi tutti nativi di questo rione o comunque legati ad esso da un filo di parentela. Per l'occasione proporranno un ricco repertorio di canzoni tradizionali triestine. Alle 15.30 tutti i bambini sono invitati a incontrare Babbo Natale. Babbo Natale si prende il pomeriggio libero e viene a conoscere i bambini al Mercato Coperto. Assieme ai bambini decoreremo la Pentolaccia che verrà rotta giorno della Befana.

Mercatini
Domenica 17 dicembre la tradizionale Mostra Mercato dell'Ingegno Artistico Creativo - che si presenterà in una speciale edizione nataliza - si trasferirà eccezionalmente da piazza della Borsa a via Einaudi per la concomitanza con i Mercatini di Natale. Anche in questa particolare occasione, il tradizionale mercatino promosso dall'Associazione Hobbistica Trieste offrirà numerosi spunti per accompagnare i sempre numerosi e attenti visitatori nella stagione invernale e per fornire tantissime idee regalo speciali e originali. Si potranno ammirare per l'occasione tantissimi articoli a tema natalizio tutti creati a mano: dolci fatti in panno, angioletti realizzati all'uncinetto, presepi a tombolo, composizioni natalizie in stoffa, quadri ricamati con perline, bavaglini natalizi, decorazioni in pasta, saponi a forma di albero di Natale e molto altro ancora. Quello con la Mostra Mercato dell'Ingegno Artistico Creativo è ormai un appuntamento consolidato, che si svolge ininterrottamente già da 18 anni attendendo appassionati e turisti, sempre più attratti dal fascino delle creazioni esposte. 

Basovizza's Chistmas Run
«Basovizza's Christmas Run» 7 km (2 giri da 3 + raccordo), domenica 17 Dicembre alle 10.30 al Muretto di Basovizza. Basovizza 's Dog Run 3.5 Km alle 10. Basovizza 's Children Run 600 mt, gara promozionale riservata ai bambini alle 11. Gradito abbigliamento natalizio o comunque vestiti di rosso Per stilare la classifica ci sarà all' arrivo un foglio dove i partecipanti dovranno mettere il loro nome, cognome e il tempo di percorrenza (senza imbroiar che xe Nadal) Visto l'aspetto non agonistico di questa edizione, la classifica avrà esclusivamente lo scopo di stilare un albo storico e verrà pubblicata su www.euromarathon.it. seguirà rinfresco O.P.Q. Ognidun Porta Qualcossa.

Fotografia
La Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia in co-organizzazione con il Comune di Trieste presenta la sua prossima mostra all’Alinari Image Museum dal titolo «Trieste – I Fotografi – Oggi». Una mostra collettiva che celebra la fotografia a Trieste e i suoi protagonisti, che sarà inaugurata venerdì 15 dicembre e sarà quindi visitabile da sabato 16 fino al 15 marzo 2018, tutti i giorni da martedì a domenica, con orario 10-17 (lunedì chiuso).

Commedia
Domenica 17 dicembre al Teatro Miela, «Week end a Capri» con la compagnia la Tartarua in dialetto veneto polesano di Liviana Furegato. Ciascuno di noi indossa una maschera chigli permette di mostrarsi agli altri in maniera diversa da come è o crede di essere. Tema caro alla letteratura d’ogni tempo, quello della maschera viene riletto in chiave leggera in questa divertente commedia in cui non mancano situazioni e battute che divertono il pubblico. 

Musical
Al Teatro Orazio Bobbio, domenic a17 dicembre alle 16.30, il «canto di Natale in musical». Liberamente ispirato dal racconto di Dickens, è un musical dinamico e coinvolgente in cui diversi linguaggi artistici si mescolano in un turbinio di emozioni, proiettando lo spettatore in una atmosfera natalizia poetica e divertente allo stesso tempo.

Per i più piccoli
A Casa della Musica di Trieste è il Festival di Musica per bambini ad attivarsi per mettere in scena Music Box, sabato 16 dicembre alle 16.30 nell'Auditorium di Casa della Musica di via Capitelli. Lo spettacolo, già rodato e già presentato anche al Festival di Stoccolma diversi anni fa, è allestito per i bambini fino ai 7 anni, deriva da un'idea di Vincenzo Stera con le musiche di Comisso, Centis e lo stesso Stera. I bambini dai 3 ai 7 anni saranno intrattenuti da Angelo Comisso al Pianoforte, Gabriele Centis alla batteria e dall'istrionico Stera, che suonerà i flauti, racconterà la storia e suonerà anche mille oggetti. La bellezza dello spettacolo è la sua capacità di coinvolgere i piccoli spettatori e di rinnovarsi continuamente in virtù delle loro reazioni: si crea un sorprendente gioco ritmico, melodico e d’improvvisazione. Gesti e azioni esplorano suoni di oggetti e strumenti, provocando una varietà di generi musicali, suggestioni e gag che incuriosiscono e invitano all’ascolto.

Ragazzi e scienza
Sabato 16 dicembre 2017 all’Immaginario Scientifico di Trieste torna l’appuntamento con la Notte Immaginaria, con un tema tutto nuovo: gli appassionati di scienza da 7 a 11 anni potranno trascorrere l’intera notte al museo in compagnia di tanti amici e di coinvolgenti attività, guidati dalla scienziata greca Ipazia alla scoperta dei misteri dell’astronomia. Per i giovani esploratori della notte sarà l’occasione per conoscere più da vicino questa coraggiosa e brillante scienziata che fin da giovanissima studiò nell’enorme biblioteca di Alessandria e che fu presto riconosciuta come una delle menti più importanti dei suoi tempi. Ripercorrendo la sua avvincente storia, i piccoli scienziati avranno modo di esplorare le conoscenze astronomiche degli antichi e le grandi menti che l’hanno influenzata. Ispirati dalla curiosità e dalla sete di conoscenza della scienziata, i bambini proveranno poi a costruire con le loro mani uno strumento scientifico, indispensabile per orientarsi nel cielo di notte, che proprio Ipazia contribuì a migliorare e diffondere tra i pensatori della sua epoca: l’astrolabio. Sarà una notte alla scoperta della forza delle idee e delle straordinarie invenzioni di una grande scienziata dell’antichità, divenuta nei secoli vera e propria icona della libertà di pensiero. Al termine delle attività, ancora pieni di meraviglia, i bambini si accampano nelle sale del museo, ciascuno con il proprio sacco a pelo, per poi risvegliarsi al mattino e fare colazione insieme ai compagni d’avventura, prima di fare ritorno a casa. Maggiori informazioni: www.immaginarioscientifico.it.