22 maggio 2018
Aggiornato 23:00
Trieste

Imprese: Bolzonello, contributi ad artigiani per nuove tecnologie

«Siamo passati - ha precisato Bolzonello - dal milione e 400 mila euro del 2013 agli oltre 5 milioni attuali»

Imprese: Bolzonello, contributi ad artigiani per nuove tecnologie (© Regione Friuli Venezia Giulia)

TRIESTE - «Non è stata certo casuale la scelta della Regione, prevista nella legge di Stabilità attualmente in fase di approvazione in Consiglio regionale, di istituire un canale contributivo dedicato alle nuove tecnologie e rivolto agli artigiani, per accompagnare le imprese in quelle innovazioni necessarie ad accrescere la competitività sul mercato». Lo ha detto il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, intervenendo a Trieste nel corso del convegno organizzato dalla Camera di Commercio Venezia Giulia e intitolato 'Gli artigiani del futuro: sfide ed opportunità del mondo digitale'.

Come ha spiegato il vicepresidente, la decisione dell'Amministrazione di delegare al Centro assistenza tecnica imprese artigiane (Cata) del Friuli Venezia Giulia l'erogazione dei contributi per le nuove tecnologie è motivata dalla difficoltà delle piccole aziende di trovare spazio nei bandi dei fondi europei gestiti dalla Regione (Por Fesr), in quanto penalizzate rispetto alle grandi realtà imprenditoriali. Un problema, questo, emerso dal confronto con gli stessi artigiani, come ha ricordato Bolzonello, il quale ha evidenziato l'attenzione che l'Amministrazione ha rivolto in questi ultimi anni alle esigenze della categoria: tra queste anche la necessità di poter contare su una forma contributiva diretta e burocraticamente snella, oltre che rapida nella fase di erogazione. «Proprio quelle che sono le caratteristiche - ha sottolineato il vicepresidente - di questo nuovo canale di finanziamento, che grazie alla capacità operativa garantita dal Cata Fvg potrà essere uno strumento capace di rispondere alle richieste di un comparto produttivo il quale ha tutte le potenzialità per tornare a ricoprire il ruolo di motore dell'economia di questa regione».

Sulle tempistiche di erogazione Bolzonello ha inteso rimarcare le performance migliorative conseguite dalla Regione sul Por Fesr, passando da una procedura di finanziamento che prevedeva una durata di otto mesi ai cinque attuali. Tornando all'attenzione dedicata in questi ultimi anni dall'Amministrazione agli artigiani e plaudendo alla scelta della categoria di aver unificato le realtà del Friuli Venezia Giulia in un unico Centro di assistenza tecnica, Bolzonello ha ricordato la crescita esponenziale in questa legislatura dello stanziamento regionale riservato al Cata. «Siamo passati - ha concluso il vicepresidente - dal milione e 400 mila euro del 2013 agli oltre 5 milioni attuali, segno oggettivo di un sostegno strategico condiviso e partecipato».