21 agosto 2018
Aggiornato 02:30

Riccardi: «Tornati i tempi della Pravda: Serracchiani presenta un Fvg che vede solo lei»

Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale sceglie l'ironia per commentare i contenuti della conferenza stampa di fine mandato della governatrice
Riccardi: «Tornati i tempi della Pravda: Serracchiani presenta un Fvg che vede solo lei»
Riccardi: «Tornati i tempi della Pravda: Serracchiani presenta un Fvg che vede solo lei» (Regione Friuli Venezia Giulia)

TRIESTE - «Dicono che Stalin, per non far preoccupare Lenin colpito da ictus, facesse preparare ogni giorno  un’edizione della Pravda apposta per lui. Una copia unica nella quale c’era scritto che andava tutto bene, tutti erano felici e si stava andando verso il radioso futuro socialista». E’ quanto dichiarato da Riccardo Riccardi, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, commentando i contenuti della conferenza stampa di fine mandato di Debora Serracchiani. «Credo che la presidente uscente - ha continuato Riccardi - si sia ispirata a questo mito della sua infanzia per mistificare la realtà che erediteremo nel prossimo futuro». 

«Sono stati dati numeri a caso»
Per il capogruppo di Forza Italia i risultati presentati: «Sono stati numeri dati a caso, senza possibilità di riscontro». Un esempio? Per combattere la denatalità regionale Serracchiani ha dichiarato che la Regione darà 200 euro per ogni bambino nato da residenti in Fvg da almeno 24 mesi. «Davvero sono in grado di reperire 19,4 milioni di euro l’anno per questo? Si sono resi conto che ogni anno qui nascono oltre 8.000 bambini? E queste risorse dove le trovano?» ha chiosato Riccardi. A detta del vicepresidente Sergio Bolzonello, la 'straordinaria riforma che è il Rilanciaimprese' ha fatto i miracoli: «Ma - ha agigunto Riccardi - le 9.000 imprese in meno, i 133.000 addetti in meno nell’industria dal 2013, le 4.000 imprese attive in meno, delle quali 900 sono ditte artigiane che non ci sono più, rientrano nel calcolo di questo successo? Il Rilanciaimpresa ha portato a 1.098 nuovi occupati in tre anni: 366 l’anno per un costo di 150.000 euro per ogni posto di lavoro 'creato'. Si, questo è davvero straordinariamente folle». «Grazie all’impegno di questa giunta - prosegue Riccardi - la riforma strutturale delle Uti ha portato nel pantano l’intero sistema amministrativo, con Istituzioni che oggi si stanno confrontando in tribunale, abbiamo 600 posti letto in meno e la sanità regionale ha perso posizioni su posizioni nella classifica nazionale pur costando 100 milioni in più l’anno negli ultimi tre anni». 

L'affondo finale
Per il capogruppo di Fi l’espressione della serietà di questa giunta, e della prossima candidata al Parlamento, è stata raggiunta quando Debora Serracchiani, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha dichiarato che 'si vota quando si decide di votare'. E che lavorerà 'per la Regione da altro ruolo' perché la sua 'presenza a Roma, forte, strutturata, ci ha permesso di raggiungere in questi anni i risultati che abbiamo ottenuto'. «Certo - ha concluso Riccardi - quelli di essere, come regione, marginalizzati al punto di non riuscire a firmare i patti finanziari con lo Stato perché il Governo nazionale, suo amico, non l’ha voluta ricevere da marzo del 2016».