1 giugno 2020
Aggiornato 02:00
Appuntamenti

Eventi a Trieste, 8 cose da fare il 6 e il 7 gennaio

I grandi concerti, il teatro, il cinema, lo sport e la cultura. Ecco tutto quello che vi attende in città e come fare per non perdersi il meglio
Trieste, 8 cose da fare il 6 e il 7 gennaio
Trieste, 8 cose da fare il 6 e il 7 gennaio Shutterstock

TRIESTE – Fiorella Mannoia in tour, gli spettacoli a teatro, il cinema, la cultura e molto altro. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire gli appuntamenti più interessanti del weekend.

Fiorella Mannoia a Trieste
Al Politeama Rossetti, domenica 7 gennaio, sul palco Fiorella Mannoia con il suo «Combattente il Tour», il nuovo progetto live di una voce fra le più raffinate ed eleganti della musica italiana, partirà a un mese dall’uscita del nuovo album «Combattente», lavoro che già dal titolo descrive a pieno il carattere di questa artista, da sempre amatissima dal pubblico. Il disco si compone di 11 brani inediti. Molte le «firme» che hanno collaborato alla realizzazione del progetto, autori della nuova generazione, ma anche storici nomi della canzone d’autore: Ivano Fossati (in un brano in cui Fiorella è autrice del testo e Fossati delle musiche), Giuliano Sangiorgi, Federica Abbate, Cheope, Fabrizio Moro, Bungaro, Cesare Chiodo e anche la stessa Fiorella Mannoia. Nell’album troviamo anche «Perfetti Sconosciuti», il brano scritto da Fiorella Mannoia con Cesare Chiodo e Bungaro e che le è valso (al suo debutto come autrice e interprete di una colonna sonora) il Nastro D’Argento 2016 per la «Migliore Canzone Originale» nell’omonimo film diretto da Paolo Genovese.

Musica live
Sabato 6 gennaio, al Round Midnight, alle 22, sul palco il Matteo Sabatini Shuttle. Il quartetto capitanato da Matteo Sabattini, talentuoso sassofonista bolognese trapiantato negli States da 15 anni, riunisce il batterista sloveno Aljosa Jeric e due musicisti friulani, Simone Serafini al contrabbasso e Gianpaolo Rinaldi al piano. Il gruppo suona inediti scritti da tutti e quattro e musicisti, per dare vita ad un sound molto variegato stilisticamente, che strizza l’occhio alle correnti del contemporary mainstream dell’ east coast americana, senza mai venir meno ad una forte connessione con la tradizione. Line Up: Matteo Sabattini: sax contralto; Aljosa Jeric: batteria; Simone Serafini: contrabbasso; Gianpaolo Rinaldi: piano

Biennale Internazionale Donna
Continua al magazzino 26 del Porto Vecchio la Biennale Internazionale Donna. Sabato 6 gennaio, alle 17, è in programma «La Madre e lo Splendente» una performances di ArteContro con Cecilia Donaggio Luzzatto-Fegiz, Max Jurcev, Betta Porro, introdotta da Maria Campitelli. (allegato)
. Domenica 7 gennaio, alle 12, incontro di Gabriella Musetti con le poetesse Paola Dei, Aquilina Derossi, Rita Manzara, Cristina Marsi. Alle 15 è invece «Un Magazzino d’idee con l’arte visiva e la poesia». Graziella Rota presenterà diverse artiste, con letture di poesia, interventi musicali, visite a sezioni specifiche della mostra.

A teatro
Al Teatro San Giovanni, sabato 6 gennaio, in scena «Becchino Express». Per la quinta volta assieme sul palco i Brutti Personi presentano un nuovo spettacolo, come sempre, totalmente inedito. Maxino, Flavio Furian e Raffaele Prestinenzi, questa volta saranno alle prese con uno show che girerà intorno ad una storia tanto macabra quanto divertente. Maxino, una volta trovato il modo di ritornare dall’aldilà, costrignerà i due amici Flavio e Raffaele a farlo resuscitare entro la mezzanotte dello stesso giorno, obbligandoli a compiere una serie di missioni in vari luoghi della città, incontrando svariati personaggi più o meno assurdi. Trasportare la salma di Maxino in giro, mentre la sua anima interagirà con i due sfortunati amici sarà il fulcro di «Becchino Express». Ogni sketch e scenetta quindi girerà intorno a questo paradossale incipit.

Cinema
Al Teatro Miela, sabato 6 gennaio alle 20.30, il film «American Honey», versione originale inglese con sottotitoli italiani. Star, adolescente senza stelle in cielo e un padre abusante in terra, trova in Jack, un ragazzo più grande e (in)sicuro di lei, la spinta per andare, lasciandosi dietro una madre assente e due fratellini innocenti. Reclutata per vendere abbonamenti porta a porta, sale sul furgone di Krystal, 'titolare' in costume del business e amante incostante di Jack. Lungo le strade del Midwest, tra una sigaretta, una canna e una canzone di Rihanna cantata a squarciagola, Star e Jack si innamorano. Lei ha un sogno, lui un capitale per comprarlo ma il viaggio è ancora lungo e probabilmente non porta da nessuna parte.
Domenica 7 gennaio invece, il film «Raw», versione originale inglese con sottotitoli italiani. Nella famiglia di Justine sono tutti veterinari e vegetariani. A sedici anni, Justine è una studentessa brillante e promettente ma, quando inizia la scuola di veterinaria, entra in un mondo decadente, spietato e pericolosamente seducente. Durante la prima settimana di riti iniziatori, si allontana disperatamente dai principi familiari e mangia carne cruda per la prima volta in vita sua. Presto, dovrà confrontarsi con le terribili e inaspettate conseguenze del gesto mentre la sua vera natura comincia venire a galla. Il film ha vinto il premio Fipresci nella Sezione Settimana della Critica al Festival di Cannes 2016.

Sport
La Corsa della Bora è un evento di trailrunning che si svolge, sabato 6 gennaio, in mezzo alla natura del Carso triestino. Diverse le distanze previste: le marce non competitive, S1Just – 8km per chi si affaccia per la prima volta al trailrunning, S1Half-21km e S1 Trail - 57km due distanze impegnative ma affrontabili in sicurezza e con divertimento dalla maggior parte dei trailrunner e infine Ipertrail – 164km che riserva solo ad atleti esperti navigazione GPS, monitoraggio satellitare e un innovativo concetto di punto ristoro. La Corsa della Bora è un invito a vivere il Carso e assaporarne la bellezza anche in pieno inverno. Percorre tutto il sentiero CAI 1, in un alternarsi di paesaggi che ben ne rappresentano la sua varietà: dai ghiaioni quasi dolomitici della Val Rosandra, a spettacolari scorci sul mare, fino a percorrere gli ultimi chilometri sulla spiaggia di ciotoli e scogli della costiera triestina. O, sulla distanza più lunga, fino a spingersi alle solitarie creste al confine tra Slovenia e Croazia. Un ulteriore tassello è quello dell’enogastronomia: ai ristori vengono offerti prodotti tipici, dal prosciutto cotto caldo alla jota, dalle «vienna» alle creme carsoline. Per informazioni: www.s1trail.com.

Party
Al Loft, sabato 6 gennaio, dalle 22, Too Many Disco. Un party per chi ha una voglia matta di ballare! DjWandervogel e Milkiwy proporranno un set tutto lustrini e paillettes a cavallo tra la disco e la house tutto rigorosamente in vinile.