20 gennaio 2018
Aggiornato 14:00
Cronaca

Sulla morte del manager triestino resta il giallo: in corso le indagini

Al contrario di quanto emerso in un primo momento, non sarebbe scivolato in mare da una nave della Princess Cruises attraccata a Fiume

Sulla morte del manager triestino resta il giallo: in corso le indagini (© Adobe Stock)

TRIESTE - Al contrario di quanto emerso in un primo momento, non sarebbe scivolato in mare da una nave della Princess Cruises attraccata a Fiume, Riccardo Zorzin, 55enne manager triestino. A precisarlo i vertici della compagnia statunitense in una nota divulgata alla testata regionale della Rai. Zorzin, non era in servizio e per questo si esclude la sua presenza a bordo di una nave da crociera in transito nelle acque croate.

Il corpo dell’uomo, procurement specialist della compagnia americana, residente a Dolegna del Collio, nel goriziano è stato rinvenuto lo scorso 26 dicembre tra le cime delle imbarcazioni ormeggiate nella marina di Ičiči, vicino ad Abbazia, in Croazia. La famiglia è stata avvertita tre giorni dopo, il 29 dicembre, dal Consolato italiano di Fiume. Sulle cause della morte, che restano ancora volte nel mistero, stanno indagando le autorità croate.