Cronaca | decisione della giunta

Ambiente: ok al regolamento catasto speleologico Fvg

Un documento che comprende le banche dati con gli elenchi di grotte, cavità artificiali, grotte turistiche, cavità turistiche e forre

Ambiente: ok al regolamento catasto speleologico Fvg
Ambiente: ok al regolamento catasto speleologico Fvg (Forra)

FVG - La giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente Sara Vito, ha deliberato l'adozione in via preliminare del regolamento del Catasto speleologico regionale (Csr) che ora sarà sottoposto al parere della IV commissione consiliare competente. «Si tratta di un documento - ha riferito Vito - che disciplina l'organizzazione, i contenuti, le modalità di gestione e di aggiornamento del Csr, come previsto nella legge regionale 15 del 2016 recante disposizioni per la tutela e la valorizzazione della geodiversità, del patrimonio geologico e speleologico e delle aree carsiche».

Il regolamento adottato, infatti, disciplina da un punto di vista tecnico il funzionamento del Catasto e l'organizzazione dei dati presenti nel data base dello stesso. Con la pubblicazione del regolamento, il nuovo Csr sostituirà, a breve, il Catasto regionale delle grotte istituito con legge regionale 27 del 1966 dando attuazione alla normativa del Fvg (15/2016). Il vecchio Catasto attualmente comprende circa 7.500 cavità censite e rilevate, 25 delle quali assoggettate a tutela paesaggistica in virtù delle eccezionali caratteristiche d'interesse geologico, preistorico e storico. Il Friuli Venezia Giulia vanta anche un patrimonio di 234 geositi che qualificheranno il prossimo Catasto regionale dei geositi (Cargeo) che sono stati definiti ad alta valenza geologica, di cui 22 a valenza sovranazionale, 42 a valenza nazionale e 163 a valenza regionale. Per l'assessore il Csr, quale sistema informativo territoriale di riferimento per le attività conoscitive, di tutela e di gestione del patrimonio speleologico, «rappresenta un centro di raccolta dati, di studi e di divulgazione delle conoscenze relative al patrimonio speleologico delle aree carsiche e degli acquiferi carsici del territorio regionale e dei relativi sistemi carsici interregionali e transfrontalieri».

«Si configura - ha inoltre aggiunto Vito - come strumento per l'organizzazione e il coordinamento degli interventi per la promozione del patrimonio speleologico e per lo sviluppo della speleologia oltre che per le finalità pianificatorie e di sviluppo del territorio, della tutela ambientale, della tutela delle risorse idriche prevista dalla normativa regionale». Il Catasto comprende le banche dati con gli elenchi delle grotte, delle cavità artificiali, delle grotte turistiche e delle cavità turistiche e delle forre presenti sul territorio del Friuli Venezia Giulia e raccoglie dati cartografici, iconografici e multimediali anche di carattere storico.