19 aprile 2019
Aggiornato 08:30
Dal 10 gennaio, alle 16.30

‘L’arte di vivere tra rischi e opportunità’: un ciclio di conferenze al Salone degli Incanti

L’intento è dunque quello di svolgere un lavoro di divulgazione, chiarificazione e prevenzione rispetto a tematiche, ritenute di grande attualità
‘L’arte di vivere tra rischi e opportunità’: un ciclio di conferenze al Salone degli Incanti
‘L’arte di vivere tra rischi e opportunità’: un ciclio di conferenze al Salone degli Incanti Comune di Trieste

TRIESTE - Inizierà mercoledì 10 gennaio, alle 16.30, all’Auditorium del Salone degli Incanti (ex Pescheria), un ciclo di sette conferenze (con ingresso libero e gratuito), intitolato ‘L’arte di vivere tra rischi e opportunità’, che si propone di illustrare a tutti i cittadini interessati i più emergenti problemi di interesse sociale del momento, approfondendone i principali aspetti e indicando opportune soluzioni.

Divulgazione, chiarificazione e prevenzione
L'iniziativa, che proseguirà fino al 4 aprile, e che è organizzata dall’associazione di promozione sociale ‘In Prospettiva’, con il patrocinio della Regione Fvg e il sostegno del Comune di Trieste (che ha concesso l’utilizzo gratuito della sala), è nata dalla consapevolezza che nella società attuale, in continua evoluzione e sempre più complessa, si sente il bisogno di ricevere delle chiare informazioni, dei suggerimenti, delle chiavi di lettura per risolvere o evitare le problematiche con cui ci si deve confrontare. L’intento è dunque quello di svolgere un lavoro di divulgazione, chiarificazione e prevenzione rispetto a tematiche, ritenute di grande attualità e di comune interesse, che spaziano in più aree: legale, economica, sociale, sanitaria, abitativa. La messa in opera del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione di amministratori locali, pubblici funzionari e professionisti affermati e competenti nei diversi campi, che hanno condiviso lo scopo dell’associazione di lavorare in sinergia, con l’obiettivo comune di offrire agli altri concrete opportunità per superare le difficoltà quotidiane e migliorare la qualità della vita, con ciò riaffermando i valori della solidarietà e del senso di comunità.

Mercoledì 10 gennaio
Nel primo incontro, in programma – come detto - mercoledì 10 gennaio, sarà trattata la riforma del Codice della Strada e l’introduzione dell’omicidio stradale (con l’art. 590 bis del Codice Penale): un argomento di estrema importanza, richiedente una maggior attenzione e sicurezza al volante. In proposito, è opinione diffusa che le novità legislative in materia siano riferite ai soli conducenti in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti; riguardano invece anche le persone normalmente prudenti che commettono un errore o una leggerezza (ad esempio guidando telefonando con il cellulare). E va ricordato che un attimo di distrazione alla guida può fare la differenza tra la vita e la morte.

Nuove normative e utili suggerimenti
I relatori, di indubbia esperienza e preparazione, illustreranno le nuove normative e forniranno utili suggerimenti per una guida responsabile, dando inoltre opportune informazioni sulle tutele per i rischi derivanti dai sinistri stradali. Lo scopo complessivo è quello di svolgere un’azione di sensibilizzazione e di prevenzione, affinché la sicurezza stradale diventi una certezza. In quest’ottica, dopo un’introduzione della presidente dell’associazione ‘In Prospettiva’ Anna Amati e il saluto del Vicesindaco e assessore alla Polizia e Sicurezza del Comune di Trieste Pierpaolo Roberti, interverranno: l’avvocato Tatiana Nicolaou (su ‘La riforma legislativa’), il Comandante della Polizia Locale di Trieste Sergio Abbate (‘I pericoli della strada: nuove regole, maggiore sicurezza?’), il direttore generale di Tutela Legale S.p.A. Stefano Buraglio (su ‘Garanzie assicurative’). Dopo una tavola rotonda tra i relatori, seguirà un’ampia fase di domande dal pubblico, dove ognuno potrà intervenire.