Eventi & Cultura | Giovedì 18 gennaio, alle 20.30

On/Off: al Miela arriva ‘Teoria del gender, questo sconosciuto’

Saranno proposte domande chiave, utili a rovesciare il punto di vista dello spettatore dall'inizio alla fine della serata

On/Off: al Miela arriva ‘Teoria del gender, questo sconosciuto’
On/Off: al Miela arriva ‘Teoria del gender, questo sconosciuto’ (Antonio Occhiuto)

TRIESTE – Riprendono, giovedì 18 gennaio, al Teatro Miela (organizzati da Bonawentura), con il nuovo orario (20.30) gli spettacoli di teatro On/Off. Il primo appuntamento è con ‘The Gender Show’, della compagnia teatrale Atopos, (l'unica in Europa formata da persone transessuali e transgender, queer, etero, gay, lesbiche) per la drammaturgia e regia Marcela Serli.

Scioccante, irriverente, comico. Il punto di vista Atopos sulla fantomatica teoria gender
Affronta temi come  il desiderio di invisibilità della persona FtoM (Female to Male) e della persona MtoF (Male to Female), dell'essere uomini e donne oggi e dell'esserlo stati. Domande chiave, utili a rovesciare il punto di vista dello spettatore dall'inizio alla fine della serata. La costruzione artistica della propria identità è possibile, magari falsata, magari sbagliata, ma l'arte, il teatro, la danza, il video (mezzi che usiamo nei nostri lavori ci racconta Marcela Serli ) restituiscono una sintesi mostruosa, felice a volte, di chi siamo.
Usare la struttura di una conferenza iniziale per arrivare a una forma epica di narrazione è il modo più spiazzante per dire quello che vorremmo dire, per lasciare le domande che vorremmo lasciare. Un'altra, sicuramente, è questa: a chi serve la propria identità? Uno spazio emotivo dove maestri sbagliati e cattivi spettatori si incontrano.

Ticket alla biglietteria del Miela, tutti i giorni dalle 17 alle 19, o su www.vivaticket.it .