Cronaca | Porto

Il Procuratore nazionale antimafia de Raho a Trieste dopo le inchieste

All'incontro avrebbero partecipato anche il Questore, Isabella Fusiello, i vertici della Gdf in materia tributaria, dell'Ufficio di frontiera, Dia di Padova e il Procuratore di Trieste, Carlo Mastelloni

Il Procuratore nazionale antimafia de Raho a Trieste dopo le inchieste
Il Procuratore nazionale antimafia de Raho a Trieste dopo le inchieste (ANSA)

TRIESTE - Sicurezza del Porto, miglioramento della vigilanza all'interno dello scalo, controllo di persone. Sono stati alcuni dei temi affrontati dal Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, in una riunione a cui hanno partecipato i vertici giudiziari e di polizia cittadini.

La riunione, secondo quanto si è appreso dal'Ansa, si sarebbe tenuta il 5 febbraio, convocata anche in seguito alla luce del provvedimento di interdizione della Prefettura nei confronti della Depositi Costieri e dell'inchiesta giudiziaria avviata dalla Procura, su presunte infiltrazioni della criminalità organizzata. De Raho avrebbe partecipato a numerosi incontri ma quello sul Porto è stato il più importante. Con il Questore di Trieste, Isabella Fusiello, i vertici della Gdf in materia tributaria, dell'Ufficio di frontiera, Dia di Padova e il Procuratore di Trieste, Carlo Mastelloni avrebbe affrontato temi per migliorare la vigilanza interna al Porto e modernizzare i presidi.