26 settembre 2018
Aggiornato 03:00

Eventi a Trieste, 9 cose da fare il 17 e il 18 febbraio

Musica, spettacolo, cultura e party. Ecco cosa vi attende in città e come fare per non perdere gli appuntamenti migliori del weekend
Trieste, 9 cose da fare il 17 e il 18 febbraio
Trieste, 9 cose da fare il 17 e il 18 febbraio (Shutterstock.com)

TRIESTE – Concerti, appuntamenti a teatro, mostre e party. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire i momenti più interessanti del fine settimana triestino.

Musica live
Sabato 17 febbraio, alle 21.30, al Teatro Miela, il live di Emel Mathlouthi. La voce della rivoluzione tunisina. Capace di rappresentare nell’immaginario collettivo la rabbia della rivolta e la dolcezza del gelsomino, Emel Mathlouthi mette in versi il suo desiderio di libertà. Una primavera vissuta tra i palchi parigini e i cortei di avenue Bourguiba, cantando parole libere contro la dittatura e il regime. La cantautrice tunisina Emel Mathlouthi, esule a Parigi dal 2008, è balzata agli onori delle cronache durante la rivoluzione dei Gelsomini, tornando a cantare in Tunisia dopo il suicidio di Mohamed Bouazizi, evento scatenante delle proteste, agli inizi del 2011. Ad una veglia di ricordo delle vittime, zainetto in spalla e mescolata tra i partecipanti, aveva cantato con una voce straordinaria dimostrando attaccamento ai valori della libertà con un sostegno preso sia in favore della rivolta del suo paese, sia per sostenere quella dell'Egitto, e creando quindi una sorta di equivalente storico della canzone di Joan Baez in quel di Tunisi.

Mostre
«Sua Cuique Persona» a ciascuno la propria maschera. L’autoritratto come maschera e specchio» è il titolo dell’esibizione collettiva a cura di Alessandra Spigai che sarà inaugurata ufficialmente sabato 17 febbraio, alle 18, nella sala Umberto Veruda di palazzo Costanzi a Trieste. L'esposizione che resterà liberamente aperta al pubblico fino all' 11 marzo (tutti i giorni con orario 10 -13 e 17-20) si avvale della collaborazione critica di Matteo Gardonio e del testo di accompagnamento di Monica Mazzolini.

Musica classica
Sabato 17 febbraio dalle 17 alle 19, nella Sala Bobi Bazlen di Palazzo Gopcevich (via Rossini, 4), la Finale del Primo concorso di musica da camera per flauto e pianoforte Guido Novello. Ideato dall'Associazione DOnaREmuSIca e realizzato in co-organizzazione con il Comune di Trieste e con la collaborazione della Trieste Flute Association, il concorso intende onorare la memoria di Guido Novello (Venezia 1919 - Venezia 1988), flautista italiano tra i più amati e apprezzati del Novecento. Docente di flauto sia al Conservatorio Benedetto Marcello della sua città natale che al Tartini di Trieste, è stato a lungo Primo Flauto Solista presso l'Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia. Rimase sempre fedele a questa orchestra e alla sua città rifiutando varie offerte tra cui quella del Teatro alla Scala di Milano e dell'Orchestra Rai di Torino. Interamente composta da flautisti che di Novello sono stati allievi, la giuria del concorso schiera Giorgio Blasco nel ruolo di Presidente, accanto a Monica Finco e Francesca Seri. A loro il compito di selezionare i vincitori tra giovani studenti del Biennio di Flauto dei Conservatori del Triveneto che si sono iscritti alla competizione, tra i quali figurano anche alcuni studenti stranieri. La Finale del Concorso (in calendario, come detto, sabato 17 febbraio 2018 con inizio alle 17) è aperta al pubblico a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili e si concluderà con un arrivederci alla seconda edizione, grazie alla partecipazione e al sostegno della casa triestina Eppinger.

Operetta
Al Teatro piccola Fenice, dalle 18, sabato 17 febbraio, «La musica parla di noi? Piccolo viaggio tra Lied, Operetta e Canzonetta» di e con Nicolò Ceriani.

Party
Al Loft, sabato 17 febbraio, dalle 22.30, la serata «From Loud with love» con Patrick Gibin aka Twice (Sounds Familiar), DjWandervogel, Gianluca Bonfini.

A teatro
Ad Hangar Teatri, sabato 17 febbraio, alle 21, in scena «Ekzeema». Come Salvare una Rana in Pentola. Lo sentite? Lo so che lo sentite anche voi. Lo sentiamo tutti prima o poi. Come cosa? Quella cosa. Quella che pulsa giù da qualche parte, negli intestini, che preme per uscire. No, non quella. Quell’altra cosa. Quella specie di fastidio che non è ancora un prurito. Quella cosa che ci sta ronzando nella testa anche ora. Quella cosa che ci turba, che ci eccita ma che non diciamo, quella che la notte ci rende insonni, che ci fa digrignare i denti. Quell’allergia, quell’irritazione, quel tic, quella mania o quella smania, quella voglia che non sta mai zitta. Chiamatela come volete. Tanto lo sappiamo che cos’è. È l'Ekzeema .

Globale Village
Al Magazzino 26 Porto Vecchio, sabato 17 febbraio, alle 17, Global Village - Sapori dal mondo 
per un evento all'insegna della multiculturalità e la condivisione di cibi e tradizioni lontane. Vedrà infatti come protagonisti i giovani provenienti da tutto il mondo, le famiglie e le scuole che hanno ospitato questa edizione del progetto EduChange nelle loro realtà locali.

Cinema
Al Teatro Miela, domenica 18 febbraio, alle 16.30 la Proiezione del film «La tenerezza» di Gianni Amelio; con Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi, Renato Carpentier

Musical
Domenica 18 febbraio ad Hangari Teatri, «Grease». A grande richiesta la replica di Sing Along Night Sei mai stato a vedere un musical al cinema e all’uscita avevi una voglia incontrollabile di cantare a squarciagola? Come funziona: i nostri attori vi condurranno in un vocal warm-up di preparazione per i momenti topici e vi sarà dato un sacchetto con gli «oggetti speciali» da utilizzare durante la visione. È consigliato vestirsi a tema, quindi immergetevi nell’armadio e sfoderate la vostra fantasia! Durante la serata verrà premiato il vestito più bello! Per una notte sarete voi le stelle del cinema.