21 giugno 2018
Aggiornato 02:30
Politica | Elezioni

Tondo batte Serracchiani, Stabile supera Illy

Il centrodestra conquista i vari collegi uninominali al Senato e alla Camera. Debacle Pd

Tondo batte Serracchiani, Stabile supera Illy (© Diario di Ts)

TRIESTE – Quando lo spoglio è ormai concluso, emerge chiaramente la tendenza del Friuli Venezia Giulia: il primo partito è la Lega. A seguire il Movimento 5 Stelle, Pd e Forza Italia (quest’ultima doppiata dal Carroccio). Il leader Fvg della Lega Massimiliano Fedriga, con un tweet ha scritto: «Grazie Friuli Venezia Giulia! Ora scriviamo insieme il futuro #LegaSalviniPremier».

SENATO - Per quanto riguarda le sfide nei collegi, centrodestra avanti un po’ ovunque. Al Senato centrodestra in testa con il 43,75% dei voti: Lega primo partito con il 25,48% davanti a M5S (24,26%), Pd (19,99%) e Fi (11,82%). All'uninominale, Laura Stabile, candidata del centrodestra nel Collegio 1 di Trieste-Gorizia con il 39,40% è eletta vincendo contro Riccardo Illy (fermo al 26,48%) e contro Pietro Neglie del M5S (25,90%). Nel collegio Udine-Pordenone Luca Ciriani avanti con il 46,58%. A seguire Maria Chiara Santoro, ferma al 23,21% e Isabella del Monte del centrosinistra, terza a 22,24%.

CAMERA - Per quanto riguarda la Camera dei Deputati, nel Collegio 1 Trieste avanti Renzo Tondo con il 38,17% che supera nettamente Debora Serracchiani ferma al 25,92%. Nel Collegio 2 Gorizia Guido Germano Pettarin del centrodestra è al 37,13% contro il 28,23% di Sabrina De Carlo del M5s e il 24,93% di Giorgio Brandolin (centrosinistra). Nel Collegio 3 Udine Daniele Moschioni del centrodestra è avanti del 43,36% su Domenico Balzani del M5S (23,93%) e Francesco Martines del centrosinistra (23,27%). Nel Collegio 4 Codroipo Sandra Savino del centrodestra raggiunge il 47,89% dei voti, con Aulo Cimenti del M5s che si ferma al 22,72% e Silvana Cremaschi del centrosinistra che non va oltre il 20,32%. Nel Collegio 5 di Pordenone Vannia Gava del centrodestra è al 46,22% contro Giovanni Scottà del M5s al 23,14% e Giorgio Zanin del centrosinistra al 21,71%.