19 giugno 2018
Aggiornato 20:30
Politica | Post elezioni

Pd Fvg, Grim: «Mi dimetto per senso di responsabilità e correttezza»

Annunciando la sua decisione, ha rivelato l'intenzione di candidarsi per il Consiglio regionale

Pd Fvg, Grim: «Mi dimetto per senso di responsabilità e correttezza» (© Yuotube)

TRIESTE - «Mi dimetto da segretaria regionale del Pd del Friuli Venezia Giulia, perché ritengo doverosa una assunzione di responsabilità dopo la sconfitta elettorale di domenica, che, come già dichiarato lunedì, è stata netta». Lo afferma Antonella Grim, che martedì pomeriggio a Trieste ha annunciato le sue dimissioni da segretaria regionale del Pd. Decisione che verrà comunicata domani alla segreteria regionale. Secondo Grim «oggi sono apparse notizie di stampa infondate, che anticipavano una mia scelta in senso contrario. Invece la decisione di dimettermi, che è irrevocabile, l’ho presa personalmente e in totale autonomia martedì, terminati gli scrutini e le valutazioni del segretario nazionale».  «Condivido la decisione del segretario nazionale Matteo Renzi – osserva Grim - di convocare il congresso nazionale straordinario per avere un confronto vero e serio sul tipo di partito che vogliamo essere, considerato che, davanti a forze antisistema come M5S e Lega, rischiamo di essere ridimensionati come le altre forze di centrosinistra europee. Il congresso nazionale dovrebbe svolgersi nella tarda primavera, terminate le procedure di insediamento del nuovo Governo, e credo che anche i congressi regionali si terranno nello stesso periodo. Mi auguro che il congresso in Fvg sia un momento di confronto vero, alla presenza di più candidati e di diverse idee di partito»

«In questo mese di campagna elettorale, per cui ringrazio ancora una volta i candidati, i volontari e tutti coloro che hanno lavorato con grande impegno, ho visto una grande mobilitazione sul territorio. Un impegno sul territorio che forse avremmo dovuto iniziare prima, e che rappresenta il punto da cui partire per rinnovare il partito, anche in vista delle elezioni regionali. Io darà il mio contributo in quella che si presenta come una partita in salita, ma ancora tutta da giocare». «Lascio un partito che ha vissuto quattro anni straordinari, nelle vittorie e nelle sconfitte, e che, lo ricordo, è stato retto da una segreteria unitaria, all’interno della quale erano rappresentate tutte le sensibilità del partito. Tutti, in questi anni, e anche in questi mesi, hanno dato un contributo importante al governo del partito e nelle scelte politiche». Secondo Grim «un altro motivo per cui ho deciso di rassegnare le mie dimissioni è per correttezza nei confronti della nostra comunità politica, considerata la mia decisione di presentare la mia candidatura al partito provinciale di Trieste per il Consiglio regionale. A Trieste ho lavorato come assessore comunale e ora sono consigliere comunale di opposizione e vorrei continuare a impegnarmi in particolare sui temi legati a scuola ed educazione. E’ una scelta che reputo opportuna e corretta nei confronti degli altri candidati che correranno per il Consiglio regionale».