Eventi & Cultura | Appuntamenti

Eventi a Trieste, 9 cose da fare il 10 e l'11 marzo

Dai concerti, ai party, fino agli appuntamenti per i più piccoli. Ecco cosa vi attende in città per il weekend e come fare per non perdere gli appuntamenti migliori

Trieste, 9 cose da fare il 10 e l'11 marzo
Trieste, 9 cose da fare il 10 e l'11 marzo (zstock - shutterstock.com)

TRIESTE – Musica, spettacolo, arte e party. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire i momenti più interessanti del weekend triestino.

Musica live
Sabato  10 marzo alle 21.30, al Teatro Miela, Miela Music-Live presenta Akua Naru & Band. The blackest joy tour 2018. Akua Naru è una black woman ed è un’acuta sostenitrice della critica sociale alla discriminazione del ruolo femminile nel mondo afro e lo afferma attraverso il suo flow, che è il centro della sua creazione, tra brividi di jazz/nusoul e la forza fisica dell’african hip hop. 

Note in caffè
Domenica 11 marzo, al Teatro Miela, alle 16 e alle 18.30, come ormai tradizione, torna sul palco del Miela la «Budapest Gipsy Orchestra» magistralmente diretta dal Primo Violino del Teatro Nazionale dell’Operetta di Budapest, quest’anno ci sarà anche una rappresentanza del Corpo Nazionale di Balli Folkloristici d’Ungheria, con i l costumi e le danze tradizionali. Non mancheranno degli interventi canori operettistici con le voci di Ma.me Nicoletta Curiel e Alessio Colautti.

Party
Al Loft, dalle 22, live e dj set si fondono per creare un’atmosfera perfetta in una location d’eccezione. Gushi e Raffunk, voce e basso, melodia e ritmo, un duo imperdibile che colpisce ed emoziona. A seguire Youth Showcase, la crew che sta animando le notti milanesi, rappresentata da Mattia Fiorani e Bokas arriva in città e promette scintille.

Arte
Mauro Martoriati inaugura Glam Art in primopiano. L'uomo, la sua vita e la sua filosofia d'artista verranno presentate dal curatore d'arte dott.Franco Rosso. Le opere, tra cui il masterpiece Anunnaki saranno illustrate dal critico d'arte prof.Enzo Santese. L'expo' si svolgerà presso Budapest Gipsy Orchestra, il nuovissimo centro culturale e di esposizioni artistiche all'angolo di Piazza Unità. (Capo di Piazza Bartoli 1, 1° piano). Le presentazioni dei critici avranno luogo alle 18.30. Lo spazio Glam Art in primopiano accoglie anche gli artisti di Fluidofiume Arte Paolo Fumagallilli e Enzo Archetti, nonchè l'artista Cinzia Qing Yue e la poetessa Lili Radoeva-Destradi. - Capo di piazza G. Bartoli 1 (1° piano) - Sabato 10 marzo - Dalle 16 alle 21.30.

Concerti
Al Round Midnight, sabato 10 marzo, il live di Sofia Brunetta. L’istinto musicale di Sofia Brunetta sa muoversi agilmente in territori apparentemente distanti, ma i cui confini si annullano grazie alla curiosità di uno spirito eclettico e sempre in continua ricerca. Che imbracci una chitarra elettrica o che metta le mani su un vecchio organo giocattolo, le sue canzoni restituiscono dignità al concetto di musica pop, melodie accattivanti su atmosfere che mescolano al trasporto del soul la sfrontatezza del rock, al battito del funk un’attitudine indie. Filo conduttore è una voce che sa essere diretta e spigolosa, ma anche intima e sognante.

Bambini e musica
Casa della Musica / Scuola di Musica 55 di Trieste festeggia a brevissimo il decimo traguardo del Festival di Musica per bambini, che debutta il prossimo sabato 10 marzo per proseguire fino al 19 maggio. E al crescere delle candeline crescono anche i partner, sempre più numerosi e prestigiosi, che collaborano alla realizzazione del Festival:  insieme al Comune di Trieste, tornano anche quest'anno la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi, il Festival Wunderkammer, il Conservatorio di Musica Tartini, l'Immaginario Scientifico, l'Aurora Ensemble e Comunicarte. 
Tra i nuovi compagni di viaggio sono Rai Radio Kids - che affianca il prezioso intervento ormai consolidato della Sede Rai del Friuli Venezia Giulia, entrambe media partner del Festival, e l'Associazione Internazionale dell'Operetta. Coordinamento e direzione artistica sono come sempre affidati a Gabriele Centis e Vincenzo Stera.

Per i più piccoli
È arrivato il momento di dar sfogo alla creatività con i laboratori di MiniW, la sezione che Wunderkammer dedica a bambini e ragazzi per farli avvicinare al teatro e alla musica. Il nuovo appuntamento, organizzato insieme al Goethe Zentrum Triest, si terrà domenica 11 marzo alla Scuola di Danza Arteffetto alle 16 (via Coroneo 15). Simone Weisskopf del Goethe Zentrum Triest condurrà un divertente laboratorio sul corpo umano dal titolo «Il Signor Hampelmann». Giochi e canzoni saranno l'occasione per imparare alcune parole in tedesco aiutati dalle marionette in cartone che Annalisa Metus costruirà con i bambini. I posti sono limitati, si consiglia la prenotazione scrivendo a: wunderkammer.trieste@gmail.com

Brunch al Caffè dei Libri
La domenica mattina, quando ci si alza con calma, quando è troppo tardi per la colazione ma troppo presto per il pranzo, la cosa da fare è darsi appuntamento per il brunch. Ma cosa si mangia a un brunch? Un mix di cose dolci e salate, con piatti tipici della colazione continentale e all’inglese. Non possono mancare il tè e il caffè, torte e dolci, pane e marmellata, brioche, uova e salumi, salmone affumicato ma anche piatti leggeri con cereali, avocado e verdure. Ricordatevi di prenotare il vostro tavolo: trieste@ilcaffedeilibri.it - 040 9651415.

Conferenze
Miramare e Torre del Cerrano, in Abruzzo: cos’hanno in comune queste due località apparentemente distanti? Per prima cosa il mare Adriatico e seconda che è proprio da queste due località che nel 2009 ha preso avvio AdriaPAN, il Network delle Aree Protette costiere e marine del Mar Adriatico, costituito ad oggi da oltre quaranta (40) aree protette di tutti i paesi bagnati dall’Adriatico e cinquantotto (58) organizzazioni associate (istituzioni, NGO, Imprese, etc.). Queste, insieme alle aree protette dello Ionio, si riuniranno proprio a Trieste, al Salone degli Incanti, sabato 10 marzo a partire dalle ore 10, cogliendo come punto di convergenza proprio la mostra «Nel mare dell'Intimità. L’Archeologia subacquea racconta l’Adriatico» che come sottolinea Fabio Vallorola, del coordinamento AdriaPan, «continua ad essere per chi gravita nel mondo marino un polo attrattivo per lo spessore degli argomenti trattati».