24 settembre 2018
Aggiornato 21:00

Agroalimentare: snellito l'iter per i cartelli delle frasche carsiche (Osmize)

Rispetto al passato non è più necessario presentare una domanda formale di autorizzazione né effettuare alcun pagamento per l'importo del bollo e per l'esposizione
Agroalimentare: snellito iter esposizione frasche Osmize Carso
Agroalimentare: snellito iter esposizione frasche Osmize Carso (osmize.com)

TRIESTE - Regione e Fvg Strade non prevedono alcun tipo di restrizione, oltre a quelle già imposte dal codice della strada, ai cartelli delle storiche frasche carsiche che indicano l'apertura delle cosiddette Osmize, ovvero le case private aperte periodicamente al pubblico dove è possibile assaggiare i prodotti tipici prodotti dagli stessi contadini. Al contrario, evidenzia la Regione, è stato snellito l'iter per l'esposizione dei cartelli e dei tipici rami indicanti i locali.

VALGONO LE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA - La circolare emessa da Fvg Strade, facilmente consultabile nella sezione Servizi al cittadino/pubblicità tra gli avvisi all'utenza del sito www.fvgstrade.it, evidenzia infatti che rispetto al passato non è più necessario presentare una domanda formale di autorizzazione né effettuare alcun pagamento per l'importo del bollo e per l'esposizione. In tale modo viene quindi agevolata l'utenza sburocratizzando la procedura applicata finora, senza aggiungere alcun tipo di prescrizione da parte di Fvg Strade e della Regione. La circolare pubblicata da Fvg Strade, che per altro riprende le indicazioni che in passato venivano inserite nell'atto di autorizzazione concesso dalle Province, si limita dunque a ribadire i principi del Codice della strada, ai quali qualsiasi tipo di cartellonistica deve attenersi al fine di tutelare l'incolumità dei viaggiatori.