22 ottobre 2018
Aggiornato 21:00

'Riparte il tram di Opicina', ma è solo un pesce d'aprile

Non solo goliardata ma anche protesta scherzosa per i ritardi nella rimessa in funzione dello storico mezzo
'Riparte il tram di Opicina', ma è solo un pesce d'aprile
'Riparte il tram di Opicina', ma è solo un pesce d'aprile (Opicina)

TRIESTE - La convocazione è stata fatta per salutare l'ennesima entrata in vigore del tram di Opicina, dopo l'ultimo incidente che ha costretto le storiche vetture a fermarsi circa due anni fa: alle 18 alla tradizionale capolinea di piazza Oberdan in centro a Trieste con tanto di dolci pasquali locali (pinze, presnitz, putizze), vino di produzione autoctona e voglia di ballare e cantare, in italiano e in sloveno. Ma il tram non solo non è mai partito, ma non è mai arrivato in piazza bloccato com'è nell'autorimessa sul Carso, ad Opicina appunto, l'altro capolinea, e gli organizzatori hanno svelato a chi era accorso, che si trattava di un pesce d'aprile. 'Amantitramdeopcina' in realtà non volevano soltanto organizzare una goliardata ma anche porre l'attenzione sul fatto che il servizio non riprende nonostante sia tanto caro ai triestini e alla comunità slovena di lingua italiana che abita ad Opicina.