25 aprile 2018
Aggiornato 10:30
Giovedì 5 e venerdì 6 aprile

'74 Giorni Sospesi', appuntamento al Teatro Miela

Due amici in una storia di speranza, forza di volontà, attaccamento alla vita, in balia di un abisso tra mare e cielo. Una testimonianza viva della forza morale di due uomini 'alla deriva'

'74 Giorni Sospesi', appuntamento al Teatro Miela (© Teatro Miela)

TRIESTE – Giovedì 5 e venerdì 6 aprile, alle 20.30, al Teatro Miela (una produzione Bonawentura) è in programma ‘74 Giorni Sospesi’: due amici in una storia di speranza, forza di volontà, attaccamento alla vita, in balia di un abisso tra mare e cielo. Una testimonianza viva della forza morale di due uomini 'alla deriva'.

LO SPETTACOLO prende vita dal reading musicale presentato a ottobre 2017 alla Notte Blu dei Teatri, una narrazione che oscilla tra momenti di grande ottimismo e speranza a momenti di angoscia cupa. Ivan Zerbinati è un Fogar forte e fiero unitamente a un Alessandro Mizzi che interpreta un Mancini più fragile e inesperto del mare. Massimo Navone, regista drammaturgo ligure di nascita e milanese di adozione, grande amante del teatro e del mare, coglie quest’occasione per portare sul palco una storia di  amicizia, speranza, forza di volontà, attaccamento alla vita, in balia di un abisso tra mare e cielo

Prevendita c/o biglietteria del teatro (tel. 0403477672) tutti i giorni dalle 17 alle 19. www.vivaticket.it