27 maggio 2018
Aggiornato 01:30
TRIESTE 

A.B.C. e UniCredit donano al Burlo un set di strumentazione per la micro chirurgia

Si tratta di apparecchiature del valore di 12 mila euro

A.B.C. e UniCredit donano al Burlo un set di strumentazione per la micro chirurgia (© Burlo)

TRIESTE - A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo onlus insieme a UniCredit ha donato all’Irccs Burlo Garofolo di Trieste, e in particolare al reparto di Chirurgia, un set di strumentazione per la micro chirurgia del valore di dodicimila euro. Le nuove tecniche mini invasive sempre di più si stanno sviluppando nell'ambito della chirurgia pediatrica. La donazione di queste strumentazioni è finalizzata a favorire la chirurgia non traumatica nell'età neonatale e pediatrica, con importanti obiettivi come ridurre il rischio operatorio e il trauma emotivo provocato dall'intervento, diminuire la presenza di cicatrici e limitare le complicazioni nel percorso post operatorio. «Grazie ad A.B.C. da parte del Burlo e di tutti i suoi piccoli pazienti – ha dichiarato il direttore generale dell’Irccs Burlo Garofolo, Gianluigi Scannapieco – che opera in prima persona come associazione che svolge attività a vantaggio del Burlo, ma che in questo contesto ha fatto anche da volano, coinvolgendo nel progetto anche attori esterni importanti come Unicredit. Questo set di strumentazione aiuterà a supportare il servizio e la qualità del nostro reparto di Chirurgia».

L'ATTIVITA' DI ABC - A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo onlus da 13 anni sostiene i bambini nati con malformazioni che necessitano di cure chirurgiche complesse e continue, ricoverati presso il reparto di Chirurgia dell’Irccs Burlo Garofolo di Trieste e le loro famiglie. Accoglie gratuitamente le famiglie durante la degenza dei piccoli pazienti e le sostiene dal punto di vista psicologico per tutto il percorso di cura. Supporta il Burlo donando strumentazione specialistica, allestendo spazi comuni all’interno del reparto, finanziando la ricerca nel campo della Chirurgia Pediatrica e promuovendo la formazione del personale. Non ultimi, 45 volontari sono presenti ogni giorno in reparto, accanto ai bambini e alle loro famiglie. «L'obiettivo di missione di A.B.C. è rendere la condizione dei bambini nati con malformazioni meno pesante e traumatica possibile - ha dichiarato Giusy Battain, direttrice di A.B.C. - abbiamo quindi promosso questo progetto con due importanti finalità: sviluppare una chirurgia poco invasiva e di ridurre l’impatto emotivo sui bambini, che spesso è di lungo periodo. Siamo felici di aver coinvolto UniCredit, che ha sostenuto questo intervento. Il ruolo di A.B.C. è infatti anche quello di favorire sinergie sul territorio, per realizzare valore sociale nella comunità».

L'ATTENZIONE AL TERRITORIO - «La donazione che presentiamo oggi – ha dichiarato Massimo Collautti, responsabile Area Retail Trieste di UniCredit - attinge ai fondi raccolti dalla Banca per iniziative e progetti di solidarietà sul territorio tramite la carta di credito 'UniCreditCard Classic E', che accantona il 2 per mille di ogni spesa effettuata dai clienti, senza aggravi per questi ultimi. Il nostro forte radicamento nel territorio triestino richiede un impegno che travalica l’abituale attività finanziaria di supporto a imprese e famiglie, che portiamo avanti quotidianamente. Il contributo alla Onlus A.B.C si inserisce in questo quadro e vuole essere un supporto concreto a chi è quotidianamente impegnato, svolgendo un ruolo delicato un ruolo delicato in una realtà fondamentale per questo territorio come quella del Burlo Garofolo, con il quale, peraltro, rinnoviamo un sodalizio importante dopo analogo intervento lo scorso anno».