21 ottobre 2018
Aggiornato 04:00

Nuova Giunta regionale del Fvg: presentati ufficialmente gli assessori

Ora, come già annunciato nei giorni scorsi, è in programma il primo Consiglio regionale dell’era Lega. Si terrà martedì 22 maggio alle 11
Nuova Giunta regionale del Fvg: presentati ufficialmente i nuovi assessori
Nuova Giunta regionale del Fvg: presentati ufficialmente i nuovi assessori (Diario di Trieste)

TRIESTE - «Non tutti gli assessori saranno presenti», ma finalmente, con 40 minuti abbondanti di ritardo, comincia la presentazione della Giunta targata Massimiliano Fedriga. 

LA GIUNTA - A qualche giorno dal voto, lo scorso 3 maggio, il neo presidente del Fvg aveva parlato di revisione delle deleghe e una giunta composta da dieci assessori. Due settimane dopo (due settimane fatte di confronti fra le forze politiche del centrodestra che hanno raggiunto una prima bozza di accordo nella tarda serata del 17 maggio), ecco i nomi della nuova Giunta regionale: Massimiliano Fedriga (Lega) presidente, con deleghe alla montagna, alle relazioni internazionali e all’avvocatura. Riccardo Riccardi (FI), è vicepresidente della Giunta, con incarico di assessore alla salute, politiche sociali e disabilità, e con delega alla protezione civile.  Pierpaolo Roberti (Lega), assessore alle autonomie locali, sicurezza e politiche comunitarie. Sebastiano Callari (Lega), assessore alla funzione pubblica e alla semplificazione; Graziano Pizzimenti (Lega), assessore alle infrastrutture e al territorio; Fabio Scoccimarro (FdI), assessore all’ambiente e all’energia. Sergio Bini (Progetto Fvg) assessore a lle attività produttive. Barbara Zilli (Lega) assessore alle finanze e al patrimonio; Tiziana Gibelli (FI Pordenone) assessore alla cultura e allo sport; Stefano Zannier (Lega), è assessore alle risorse agroalimentari e forestali; Alessia Rosolen, assessore al lavoro, formazione, istruzione e famiglia. «Le deleghe sono state assegnate - ha sottolineato subito il presidente del Fvg - in base alle competenze: sono convinto che sarà un'ottima Giunta, capace di lavorare per dare risposte agli impegni assunti con i cittadini». Fedriga ha quindi chiarito di aver "puntato su nomi di qualità, e per questo ringrazio tutte le forze politiche che si sono messe a disposizione al fine di comporre la miglior squadra, perché ora la grande sfida è rimettere in piedi la nostra regione. «Per farlo - ha precisato - ci servono impegno e professionalità sia da parte della Giunta che del Consiglio regionale». Il governatore ha quindi chiarito che manterrà per sé le deleghe agli Affari Internazionali e alla Montagna, oltre ai ruoli di commissario straordinario per la Ferriera di Servola, il Rischio idrogeologico e la Terza corsia della A4. In merito alle minoranze linguistiche, Fedriga ha infine annunciato che la competenza potrebbe rimanere in capo alla Presidenza o all'assessore alle Autonomie locali.

IL PROSSIMO CONSIGLIO - Ora, come già annunciato nei giorni scorsi, è in programma il primo Consiglio regionale dell’era Lega. Si terrà martedì 22 maggio alle 11. Cinque i punti all’ordine del giorno: costituzione dell'Ufficio di presidenza provvisorio, prestazione del giuramento da parte dei consiglieri regionali, votazione per l'elezione del presidente del Consiglio regionale, votazione per l'elezione di due vicepresidenti, votazione per l'elezione di quattro consiglieri segretari.