17 dicembre 2018
Aggiornato 06:30

Cocaina, marijuana, ecstasy e due pistole: la polizia arresta un 26enne

In possesso dell'uomo, un cittadino ucraino residente a Trieste, anche 6 mila euro in contanti
Cocaina, marijuana, ecstasy e due pistole: la polizia arresta un 26enne
Cocaina, marijuana, ecstasy e due pistole: la polizia arresta un 26enne (Polizia di Trieste)

TRIESTE - Nell’ambito di attività di indagine coordinate dalla Procura della Repubblica di Trieste, all’esito di predisposti servizi di polizia giudiziaria volti alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli agenti della sezione antidroga della squadra mobile hanno tratto in arresto un operaio ucraino per i reati di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato trovato con cocaina, marijuana ed ecstasy/mdma, possedeva inoltre una pistola a tamburo e un’altra semiautomatica con la matricola abrasa, oltre che le munizioni.

IL FERMATO, K. R., classe 1991, nato in Ucraina ma residente a Trieste, con un precedente di polizia in materia di stupefacenti, è stato individuato nelle prime ore della mattinata dell’11 giugno mentre, con particolare circospezione, usciva da un condominio nei pressi della centralissima zona di Cavana. Poco dopo, l’uomo, che alla vista degli agenti ha tentato di cambiare strada, è stato fermato e sottoposto a controllo e trovato in possesso di una busta in cellophane contenente circa 10 grammi di cocaina e una bustina da circa un grammo di ecstasy/mdma.

GLI IMMEDIATI APPROFONDIMENTI investigativi hanno consentito di individuare l’immobile dal quale l’uomo era poco prima uscito e di rinvenire, all’interno di un appartamento del quale aveva la disponibilità, circa 135 grammi di cocaina, quattro buste in cellophane contenenti complessivamente circa 320 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale da utilizzare per il confezionamento della droga, nonché una pistola a tamburo e una pistola semi automatica – completa di caricatore e cartucce, con matricola abrasa. Inoltre, sempre nell’abitazione di residenza, in un’altra zona della città, è stata rinvenuta e sequestrata la somma contante di oltre 6 mila euro. Sulla scorta di quanto sopra, l’uomo è stato tratto in arresto e condotto alla locale casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica del Tribunale di Trieste che coordina le indagini.